menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Linea Porrettana, il Comitato pendolari: "Ancora guasti e disservizi. Anno nuovo, problemi vecchi"

"I disservizi continuano ad affliggere i viaggiatori, non sono servite le lunghe riunioni che hanno coinvolto anche i sindaci della Valle del Reno". Il Comitato torna a farsi sentire

Torna a farsi sentire il comitato dei pendolari che ogni giorno utilizzano i treni della Linea Porrettana. "Anno nuovo, problemi vecchi. I soliti disservizi continuano ad affliggere i viaggiatori e non sono servite le lunghe riunioni che hanno coinvolto anche i sindaci della Valle del Reno" scrive in una lettera indirizzata all’Assessore regionale a mobilità e trasporti, ai Responsabili delle strutture regionali del Trasporto Pubblico, ai Sindaci e agli amministratori locali. 

"A partire da venerdì abbiamo patito ben tre diversi guasti alle infrastrutture - riferisce il portavoce Valerio Giusti - che hanno cagionato ritardi e soppressioni. Nella giornata dell'11 gennaio, causa guasto deviatoio a Riola:
Treno 17731 delle 5:52 da Bologna, ritardo di 40 minuti
Treno 17733 delle 6:30 da Bologna cancellato a Vergato
Treno 17736 delle 6:40 da Porretta, ritardo di 35 minuti
Treno 17740 delle 7:18 da Porretta soppresso
Treno 17743 delle 9:04 da Bologna soppresso
Treno 17744 delle 8:22 da Porretta cancellato da Porretta a Vergato
Soppressi i Marzabotto 17737 e 17748". 

Ma Giusti va anche indietro: "Nella giornata di sabato 9, causa guasto al bivio di S.Viola: "Treno 17734 delle 6:08 da Porretta, ritardo di 24 minuti, Treno 17743 delle 9:04 da Bologna, partito con ritardo di 15 minuti, Treni 17750 e 17749 limitati a Casalecchio di Reno con bus sostitutivi per Bologna" e anche venerdì 8 "un guasto al Passaggio a Livello tra Sasso e Casalecchio ha cagionato il ritardo del treno 17775 del treno 17:04, del treno 17782 delle 17:22. Soppressi i treni 17777 delle 17:34 e il Marzabotto 17780 fermato a Sasso". 

Linea Porrettana, fine lavori sui binari: "Si torna alla normalità, treni più puntuali e senza cancellazioni improvvise"

Per il Comitato si tratta di "guasti alle infrastrutture che, di fatto, annullano i miglioramenti che i pendolari attendevano col rinnovamento del materiale rotabile, che causano pesanti ripercussioni su coloro che devono andare al lavoro come denunciato in una delle proteste arrivate questa mattina: “Prendo il treno tutte le mattine per andare al lavoro a Vergato assieme ad altri due miei colleghi. Stamane siamo rimasti a piedi in stazione poiché hanno cancellato il treno per Porretta Terme delle 9:04 e hanno annunciato un autobus sostitutivo che non è mai arrivato. Siamo arrivati al lavoro con un'ora di ritardo e ci toglieranno sicuramente i soldi dalla busta paga: chiediamo un risarcimento del danno”. 

"Nulla sarà riconosciuto per gli abbonati"

"Nella carta dei servizi pubblicata da Trenitalia Tper - continua Giusti - è indicato che ai titolari di abbonamento mensile o annuale è riconosciuto un indennizzo per ciascun mese in cui, per la tratta indicata sul titolo di viaggio, un numero di treni pari o superiore al 10% di quelli programmati subisca un ritardo superiore a 15 minuti o venga soppresso; detto indennizzo è pari al 10% dell’abbonamento mensile e a 1/12 del 10% dell’abbonamento annuale. Nulla sarà riconosciuto per gli abbonati della linea Porrettana perché, fortunatamente, abbiamo percentuali di ritardi mensili di poco inferiore al 10%. Aldilà del mancato indennizzo - fa rilevare - è necessario che sia predisposto un serio piano di manutenzione per la linea Porrettana o saranno vanificati gli ingenti finanziamenti erogati negli ultimi anni dalla Regione Emilia- Romagna e, ancor più grave, sarà minata la fiducia dei cittadini della nostra Valle nei confronti del Servizio Ferroviario Metropolitano, costringendoli ad utilizzare l’auto privata per arrivare in orario". 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

Attualità

700 anni dalla morte di Dante, il rapporto con la città: "Prima l'amore, poi i bolognesi all'inferno. Conosceva il dialetto"

social

Oggi è il Blue Monday: il giorno più triste dell'anno

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Chioschi a Bologna e provincia: la nostra mini guida

  • social

    Ricette antifreddo: la Zuppa boscaiola

  • Eventi

    "Playlist", il meglio dell'arte quando ArteFiera si ferma

Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento