Treni in Appennino, i sindaci: "Si intervenga immediatamente sui trasporti ferroviari per risolvere i problemi"

I primi cittadini dei comuni della Montagna sollecitano TPER-Trenitalia e la Regione Emilia-Romagna, dopo le nuove segnalazioni degli utenti

Foto archivio

Prendono posizione i sindaci dell’Unione dei comuni dell’Appennino bolognese, sollecitando TPER-Trenitalia e la Regione Emilia-Romagna affinché “si intervenga subito per risolvere i problemi delle linee ferroviarie dell’Appennino” Attraverso una nota i primi cittadini dei comuni della Montagna, fanno sapere che già lo scorso febbraio era stata inviata una lettera a TPER-Trenitalia per manifestare “preoccupazione in merito alle vicende negative – si legge - riguardanti il servizio ferroviario regionale, con particolare riferimento alla linea ferroviaria Porrettana, segnalate dagli utenti delusi”.  

In quei giorni infatti, il Comitato per la Ferrovia Porrettana denunciava treni soppressi o in ritardo, con disservizi per almeno 30mila viaggiatori. “Già allora erano emerse forti perplessità nei confronti dei cosiddetti treni 'Pop' -sottolinea la nota -  giudicati insufficienti negli orari di maggior affluenza sia per la scarsità di posti sia perché hanno solo tre porte di accesso. Ritenuti più moderni ed efficienti rispetto a quelli precedentemente a disposizione, questi treni si sono rivelati piuttosto inadatti specie nelle fasce orarie con maggior frequenza”.

A maggio, in piena emergenza Coronavirus, la giunta dell’Unione era tornata ad affrontare il tema: in particolare, i timori degli amministratori locali erano legati al rischio che treni sovraffollati potessero diventare veicoli di contagio. “Se durante la fase più grave della pandemia, grazie anche all’impegno delle aziende di mobilità, i servizi erano stati garantiti in sicurezza, i sindaci evidenziavano un grosso interrogativo sull’evoluzione futura, soprattutto con il ritorno dei pendolari, e chiedevano l’aumento dell’offerta per garantire il distanziamento da parte degli utenti. “Purtroppo le preoccupazioni si sono dimostrate più che fondate – spiegano i sindaci -  nei giorni scorsi, come denunciato dal Comitato per la ferrovia Porrettana, un guasto a un deviatoio a Santa Viola prima e un guasto al passaggio a livello di Borgonuovo ha causato disagi fino a tarda serata. Quel che è più grave e che per poter rientrare a casa dal lavoro i pendolari hanno dovuto viaggiare stipati nei treni superstiti annullando completamente le precauzioni anti Covid. Al centro delle lamentele poi c’è sempre il famigerato treno Pop, che secondo gli utenti, oltre a essere inadatto negli orari di punta, ha manifestato anche problemi alla climatizzazione, facendo rimpiangere a molti i treni Stadler che la Regione ha assegnato ad altre linee

“Il servizio pubblico è vitale per l'economia dei centri dell'Appennino: per i pendolari che lavorano in città, per gli studenti, per i turisti e i visitatori che lo integrano a percorsi a piedi o in bici -  commentano unanimi i sindaci - Abbiamo segnalato i primi problemi dei nuovi treni a inizio anno, attribuendoli a una fase di collaudo, abbiamo pazientato durante l’emergenza perché in quelle circostanze non si poteva chiedere di più, ma adesso chiediamo una decisa inversione di rotta prima che riaprano le scuole e la situazione precipiti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

  • Bocciata alla maturità in Dad: Tar le dà ragione, esame da rifare

Torna su
BolognaToday è in caricamento