Cronaca

Tentata truffa con al scusa del Covid: "Servono 9mila Euro per il vaccino"

L'anziana però non ha abboccato, anche grazie a una fortunata coincidenza

A salvarla dalla tentata truffa ci ha pensato la vera figlia, che le ha telefonato proprio mentre era in contatto con quella finta. Raggiro sventato ieri intorno alle 13, dove in zona San Ruffillo un'anziana 85enne stava per essere colpita dalle solite truffe telefoniche, questa volta perpetrata con l'espediente del parente malato di Covid.

Alla cornetta del telefono di casa della signora infatti ha fatto la sua comparsa una voce singhiozzante di donna, che asseriva di essere la figlia dell'85ene in questione e di avere contratto dil Covid. Del pari, la voce femminile chiedeva aiuto alla signora e anche 9mila Euro, per acquistare il vaccino negli Stati uniti. La cifra richiesta ha fatto tergiversare la 85enne ancora diverso tempo, e proprio mentre quest'ultima spiegava di avere qualche problema a recuperare in poco tempo una simile somma, dal cellulare della signora è comparso il numero della figlia stessa.

Di lì a poco, capito il raggiro, la anziana donna ha interrotto la telefonata alla linea fissa e ha avvertito la polizia.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentata truffa con al scusa del Covid: "Servono 9mila Euro per il vaccino"

BolognaToday è in caricamento