rotate-mobile
Cronaca San Vitale / Via Mazzini

Finte addette Inps incastrate, avevano appena derubato una 90enne

Si sono spacciate per dipendenti dell'ente incaricate di redigere un contratto e sono entrate nell'appartamento della donna ultranovantenne che si è fidata di loro: con il bancomat rubato avevano già prelevato indebitamente 750 euro

Non si placa il fenomeno delle truffe agli anziani, messe a punto con raggiri sempre simili, da malfattori senza scrupoli che si accaniscono su vittime anche ultranovantenni, come in questo caso. Ma stavolta a tradire le due donne che si sono finte impiegate dell'Inps è stata l'auto che usavano per spostarsi da una zona all'altra della città e già avvistata in concomitanza con episodi analoghi. Per entrambe, già pregiudicate, sono scattate alla fine le manette. 

Ecco come è andata. Nella mattina di ieri la Squadra Mobile, durante un servizio di controllo, ha intercettato un’autovettura che era già stata usata nei giorni precedenti per delle truffe con la tecnica cosiddetta "dell'Inps": in sostanza gli impostori si fingono impiegati dell’ente e convincono le anziane vittime a farle entrare in casa con la scusa di dover redigere un contratto. Una volta raggiunto lo scopo, distraggono la vittima e si impossessano dei suoi beni. 

Tornando al mezzo riconosciuto dai poliziotti, questo è stato notato mentre si allontanava da un edificio in zona Mazzini: mentre un equipaggio ha iniziato a seguire l'auto, un altro è entrato nello stabile incontrando così la signora ultranovantenne che era stata vittima della truffa. L'anziana aveva subito il furto del bancomat e del foglietto in cui aveva scritto il relativo codice pin, custoditi entrambi all’interno del portafogli.

Tutta la messinscena, molto articolata al fine di carpire la fiducia della vittima, è durata 45 minuti. Appreso l’accaduto, la prima pattuglia ha informato la seconda che è riuscita a fermare le due donne, pregiudicate per reati specifici, le quali avevano già effettuato tre prelievi utilizzando la carta della pensionata, per un totale di 750 euro. La Squadra Mobile le ha ammanettate e l'arresto per per furto in appartamento aggravato da artifizi e raggiri e utilizzo indebito di carta di credito è stato poi convalidato. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finte addette Inps incastrate, avevano appena derubato una 90enne

BolognaToday è in caricamento