Truffa online da 170mila euro: trovati gli autori

I fatti risalgono a luglio scorso, ieri i carabinieri hanno individuato i responsabili

Foto archivio

Il 2 luglio scorso il direttore di una ditta chimica di Medicina aveva denunciato ignoti per truffa perché, grazie ad una casella di posta falsa, fingendosi dell'impresa, erano riusciti a farsi inviare più di 170mila euro da un'azienda cinese in tre versamenti diversi. 

Ieri i carabinieri della stazione di Medicina hanno individuato gli autori della truffa: un cittadino francese, 32enne incensurato; un 36enne italiano, residente in Francia e domiciliato a Torino, libero professionista con precedenti di polizia e un'imprenditrice italiana incensurata, residente a Torino, classe 1983.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Liceo Galvani, lutto al rientro a scuola: è morto il prof Stefano Tampellini

  • Soccorsi all'alba in via Emilia Levante: nulla da fare per un ragazzo di 20 anni

  • Lo storico bassista di Vasco Rossi, Claudio Golinelli detto "il Gallo" ha subito un trapianto al fegato

  • Coronavirus nel bolognese, un caso a Longara di Calderara di Reno: "34 ragazzi in isolamento"

  • Via Matteotti, auto investe una bici e due pedoni: c'è anche una bimba

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento