menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Raggiro dello specchietto a segno, ma la mamma del truffatore li mette nei guai

In due riescono a sottrarre con un'espediente ben 100 euro a una donna dopo la spesa

Hanno sottratto con il solito trucco 100 euro a una 65enne, ma poi una serie di sfortunati eventi li ha smascherati. Truffatori dello specchietto denunciati ieri  poco dopo le 12, dove una signora è stata raggirata mentre tornava dal supermercato Esselunga di via Guelfa, dopo avere fatto spesa.

La donna ha riferito come abbia notato due persone, un uomo e una donna su una Alfa Romeo, stazionare poco distante dalla sua auto. Poco dopo mentre era già a bordo e diretta verso casa, la donna ha sentito un tonfo e poi un auto che faceva segno di fermarsi. E' scattato quindi il solito trucco, con la ragazza che riesce pure a ingannare doppiamente la donna facendosi dare due volte il risarcimento per il presunto specchietto rotto in manovra, in tutto cento euro.

Una volta realizzata la truffa però la vittima decide di chiamare il 113, fornendo precise descrizioni dei due. Entrambi vengono poi rintracciati in via dell'Industria, poco distante dal luogo del raggiro: lui ha 22 anni, lei 20, entrambi vengono caricati in auto direzione questura.

A questo punto però è intervenuta una terza persona: una donna, che dopo aver fermato una volante e aver sostenuto di essere la madre del ragazzo appena portato via, ha consegnato agli agenti la somma sottratta alla vittima della truffa, argomentando che è stata la ragazza a consegnarli a lei. Il buon gesto però non ha sottratto i giovani anzi ne ha aggravato la posizione. Entrambi con moltissimi precedenti a proprio carico, i due hanno collezionato un'altra denuncia per truffa in concorso. L'Alfa Romeo sulla quale viaggiavano entrambi è stata sequestrata.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento