Raffica di tentate truffe telefoniche, continua la scusa del parente con il Covid

Un espediente che però non sta riuscendo nelle intenzioni: le potenziali vittime subito contattano i propri familiari

Figli o nipoti con il Covid, o comunque ammalati e bisognosi di denaro. Sembra essere questa la china che hanno preso i truffatori telefonici negli ultimi giorni, almeno secondo quanto riferito e raccolto dalla polizia secondo le denunce.

Almeno tre episodi nella sola giornata di ieri. In via Libia una signora di 92 anni ha respinto il tentativo di una voce femminile, la quale tentava di convincerla come fosse la figlia fosse ricoverata, in pericolo di vita e bisognosa di denaro immediato per le cure. La cosa non ha convinto proprio la badante della signora, che ha rintracciato la vera figlia, facendo emergere il tranello.

Analogo tentativo anche in via Montanari dove un'altra anziana ha ricevuto la telefonata della finta nipote, questa volta risultata positiva al Covid e quindi bisognosa di aiuto economico. La signora però, non ha creduto minimamente alla voce al telefono e ha allertato i parenti e il 113. Un ulteriore tentativo, non riuscito, sempre nella stessa giornata, in via Manfredi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm, le misure in arrivo e le regioni a rischio maggiore (Emilia Romagna tra queste)

  • Nuovo Dpcm: colori regioni e nuovi criteri, Emilia Romagna a rischio zona rossa?

  • Red Ronnie contro la serie su San Patrignano: "Solo aspetti negativi, ma molti sono ancora vivi grazie a Muccioli"

  • Schivata la zona rossa, l'Emilia Romagna resta arancione

  • Nuovo Dpcm, seconde case e nuove regole: tutte le risposte

  • Dpcm e zona arancione, fioccano multe per violazione del coprifuoco e uscita dai comuni di residenza

Torna su
BolognaToday è in caricamento