menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Caso di tubercolosi al dormitorio: volontari denunciano mancanza di controlli

Ausl e Comune rassicurano: "Quando è stato dimesso dal S. Orsola, non rappresentava alcun pericolo di contagio per gli altri'

"L’Azienda Usl di Bologna e il Comune di Bologna sono massimamente impegnati per fornire assistenza socio sanitaria alle persone che vivono in condizioni di marginalità". 

Lo scrivono in un comunicato congiunto il Comune e Ausl dopo il caso di TBC riportato oggi 2 novembre da Il Resto del Carlino: "Preme sottolineare che il signore, quando è stato dimesso dal reparto di Malattie infettive del S. Orsola, non rappresentava alcun pericolo di contagio per gli altri. Attualmente è ospitato presso il centro di accoglienza Rostom - si legge nella nota - in merito a quanto segnalato dalla associazione Sokos (che presta assistenza a emarginati e immigrati e che avrebbe denunciato l'assenza dei controlli - ndr) invece, era già stato convocato un incontro per la prossima settimana, in modo da approfondire i problemi sollevati e trovare le soluzioni organizzative conseguenti". 

Presso il centro di accoglienza Beltrame in particolare, assicura Ausl, viene garantita, oltre alla gestione clinica dei casi che avviene attraverso la convenzione con l’associazione Sokos, anche l’assistenza sanitaria,  con l’impegno di due infermieri e socio sanitaria con 1800 ore di presenza di operatori socio-sanitari per un valore di 50.000 euro l’anno per  3 accessi giornalieri. Il centro di accoglienza Beltrame è il riferimento per le dimissioni protette per le persone senza fissa dimora una volta terminato il periodo di cura in ospedale, mentre Rostom è il centro di accoglienza dove vengono inviate persone con indifferibilità ed urgenza, con compromissioni sanitarie, psichiche e uso di sostanze.

"L’impegno profuso presso il centro di accoglienza Beltrame di via Sabatucci e il centro di accoglienza Rostom di via Pallavicini è solo una delle azioni messe in campo oltre agli interventi eseguiti direttamente in strada e nei luoghi di vita delle persone senza fissa dimora, gli ambulatori a bassa soglia gestiti in convenzione dalle associazioni Sokos e Confraternita della Misericordia e i luoghi di ricovero sanitario e socio sanitario". 

Al Beltrame,  dall'1/1/2017 al 20/10/2017 sono state accolte in struttura 13 persone; al momento sono presenti 2 persone. Il tempo di permanenza media è di circa 100 giorni e quasi tutte le persone sono poi passate in posto ordinario, una volta terminato il periodo di dimissione protetta. Presso Rostom, sono state 31, nel 2017, le persone accolte con diagnosi sanitaria e trattate dagli operatori socio-sanitari messi a disposizione dal distretto sanitario.

Il 17 ottobre un caso di TBC aveva riguardato una alunna della Scuola Primaria ViscardiLa bimba era stata ricoverata nel reparto di Malattie Infettive del Policlinico di Sant’Orsola.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento