Con le bottiglie di vetro sotto la questura, inveisce contro i poliziotti

I recipienti rubati poco prima da un alimentari in zona, ma per tutto il pomeriggio l'uomo ha tenuto impegnati gli agenti. Il soggetto è poi finito in carcere

Pomeriggio movimentato per un 34enne, che nella giornata di ieri ha tenuto impegnati gli agenti in varie occasioni. L'uomo, ora agli arresti in carcere, è stato protagonista di diversi episodi, dai quali na è uscito con una denuncia per danneggiamento aggravato e l'arresto per tentata rapina impropria.

Il primo fatto si è consumato in piazza VIII agosto, dove il 34enne è stato trovato molesto in un bar, in due occasioni. A essere danneggiati dalle sue escandescenze sono finiti diversi sottobicchieri da caffè, mentre il soggetto in evidente stato di alterazione alcolica, inveiva contro il gestore della tavola fredda.

Ma è stato proprio quando gli agenti stavano completando le pratiche a carico del ragazzo, in questura, in serata, che il giovane ha nuovamente attirato l'attenzione della forza pubblica. Sotto i locali di via Agresti infatti, il 34enne stazionava -sempre ubriaco- con due bottiglie di vetro, asportate poco prima con la violenza da un alimentari. Questa volta gli agenti hanno messo le manette al soggetto e lo hanno accusato di tentata rapina impropria: più tardi il giudice ha disposto il trasferimento in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento