Fondi Erc per la ricerca: due accademici Unibo 'vincono' progetti per 2,6 milioni di euro

Si tratta di due ricercatori che hanno partecipato ai noti -e discussi- fondi europei per il finanziamento di figure promettenti nel panorama accademico

2,6 milioni di euro. E' il finanziamneto a fondo perduto (grant in inglese, ndr) che due ricercatori dell'università di Bologna hanno ricevuto dallo European Research Council (Erc), l’organismo dell'Unione Europea che premia studiosi di talento impegnati in attività di ricerca di frontiera.

Si tratta di due Starting Grants, finanziamenti destinati cioè a ricercatori ad inizio carriera con un curriculum scientifico molto promettente. Andranno al progetto Write di Adriana Iezzi, ricercatrice al Dipartimento di Interpretazione e Traduzione, e al progetto Eft4np di Eleni Vryonidou del Dipartimento di Fisica e Astronomia.

Il progetto Eft4np, guidato da Eleni Vryonidou e finanziato con 1,5 milioni di euro, punta a fornire nuovi strumenti con cui il Large Hadron Collider (Lhc) – il più grande acceleratore di particelle al mondo, situato al Cern di Ginevra – potrebbe arrivare a svelare una nuova fisica delle particelle. Questo attraverso la messa a punto, attraverso la Teoria di campo efficace del modello standard (Smeft), di nuovi programmi di simulazione grazie ai quali ottenere predizioni basate sull’enorme mole i dati ottenuta dagli esperimenti dell’acceleratore Lhc.

Con il progetto Write, finanziato con 1,1 milioni di euro, Adriana Iezzi esplorerà le contaminazioni tra l'antica tradizione della calligrafia cinese e nuovi linguaggi artistici e performativi: i percorsi innovativi attraverso i quali nuove forme di calligrafia hanno sovvertito o reinterpretato idiomi tradizionali per definire un'identità artistica moderna, che ha oggi un suo ruolo nel mondo dell'arte globale pur rimanendo cinese a tutti gli effetti.

Guardando agli utilizzi contemporanei della calligrafia, Write svelerà quindi in che modo queste nuove forme artistiche riescano a restare ancorate alla ricca tradizione culturale cinese rispecchiando allo stesso tempo i radicali cambiamenti sociali ed economici che hanno avuto luogo in Cina negli ultimi quattro decenni.

"Un risultato, questo del 2020, di grande soddisfazione che premia l'impegno dell'Alma Mater che in questi ultimi anni ha portato in ateneo oltre 20 ricercatori e progetti Erc di altissimo prestigio internazionale", ha detto il Rettore Francesco Ubertini.

A livello europeo, i progetti premiati dallo Erc in questa tornata – gli ultimi all’interno del programma europeo Horizon 2020 – sono stati 436 su 3.272 proposte presentate (tasso di successo 13,3%), per un finanziamento totale di 677 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, tre ragazzi positivi nei licei di Bologna: controlli su 90 tra studenti e professori

  • Dove mangiare pesce a Bologna: 4 imperdibili ristoranti

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Aggressione in casa: tenta violenza sessuale, lei scappa in strada

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento