Unibo: la nuova sfida di Manuela, 'donna bionica'

Studentessa Unibo, aveva perso l'uso degli arti inferiori a causa di un incidente, ma grazie a un supporto robotizzato ora ha ripreso a camminare, con risultati straordinari. E il 4 giugno tenterà una nuova impresa

Quindici chilometri. È il nuovo obiettivo di Manuela Migliaccio, la ragazza paraplegica che è tornata a camminare grazie al supporto di un esoscheletro robotizzato. Studentessa alla Scuola di Agraria e Medicina Veterinaria dell’Università di Bologna, nel 2009 Manuela perse l’uso degli arti inferiori a causa di un incidente, ma dal 2012, grazie al supporto tecnologico dell’esoscheletro Ekso e all’attività riabilitativa, ha ripreso a mettere un piede davanti all’altro. Con risultati straordinari.

Prima cinque chilometri, poi sei, poi, nell’ottobre del 2013, con 10.549 metri percorsi in 5 ore, 11 minuti e 7 secondi, la studentessa Unibo originaria di Napoli ha conquistato il primato mondiale, battendo il precedente record stabilito dall’israeliano Radi Kaiuf.

Ora la nuova sfida è quella dei quindici chilometri: Manuela ci proverà il prossimo 4 giugno a Rimini, in occasione della manifestazione Rimini Wellness.Ekso-GT-Empty-Back-Carter-Dow-2
Un’avventura, quella di Manuela, che è partita dal Centro di Riabilitazione Villa Beretta presso l’Ospedale Valduce di Costa Masnaga e che porta ora anche ad una collaborazione tra la struttura ospedaliera lombarda e i Dipartimenti di Scienze Biomediche e Neuromotorie e di Scienze per la Qualità della Vita dell’Università di Bologna: l’obiettivo è realizzare uno studio pilota sulle caratteristiche dell’impegno neuromotorio durante la deambulazione assistita dall’esoscheletro Ekso.

Ekso è un esoscheletro robotizzato applicato all’apparato locomotore che consente la deambulazione a persone che a seguito di una lesione midollare hanno perso l’uso degli arti inferiori, grazie ad una serie di motori indipendenti che governano i movimenti delle anche e delle ginocchia, sotto il controllo di un sistema computerizzato indossato come uno zaino. Un sensore che percepisce i movimenti del tronco e i relativi spostamenti di baricentro, permette a chi lo indossa di controllare l’azione e determinare l’esecuzione di un passo di lunghezza costante.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo a Bologna e provincia: persone intrappolate dall'acqua, allagato anche l'asse attrezzato

  • Scuola, altri due casi di Covid al Fermi e alle Guido Reni

  • Covid, tre positivi in due istituti scolastici di Bologna. Una classe del Liceo Righi in quarantena

  • Due locali di Bologna tra le '20 Migliori Pizze in Viaggio in Italia'

  • Dolci e leccornie: 5 imperdibili pasticcerie a Bologna

  • Covid, 3 studenti positivi a Castello D’Argile e a Bologna: coinvolte 49 persone

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento