Cronaca Zona Universitaria

Universometro, l'ateneo votato "dal basso": Alma Mater 43a in Italia

Non grandi istituti di ricerca, ma studenti e docenti degli atenei a votare online. E Unibo? Cercansi supporter. Nella Classifica, un po' a sorpresa in testa c'è l'Università di Verona. Maglia nera a quella di Teramo

Museo Medievale Bologna

Gli atenei votati da chi li vive ogni giorno, studenti e professori, al posto di grandi istituti di ricerca di tutto il mondo. E' l' "Universometro", il portale che stila una classifica in progress e che diventa definitiva al termine dell'anno accademico.

Una classifica generale, ovvero la media di tutti i voti riguardo alla didattica, strutture e ricerca.

A colloquio con Gianluca Reale, amministratore di Umedia, la società editrice di Ustation.it, portale che tratta temi cari agli studenti, a cominciare da Radio Università, che trasmette un mashup delle radio universitarie italiane (letteralmente “poltiglia”, per estensione una sorta di aggregazione mixata - ndr).

Togliamoci subito il pensiero, come si posiziona l'Università di Bologna? Adesso è 43a nella classifica generale, 49a per didattica, 48a per strutture, 54a per ricerca. Insomma, ha bisogno di un po' di voti e di "buoni" voti.
 
Come nasce l'Univeristometro? Ustation.it è il portale dei media universitari (circa 40 sono affiliati al nostro network, tra cui Alma Radio di Bologna) e abbiamo sempre pensato alla nostra iniziativa come un portale di giornalismo partecipativo, è una testata registrata, anche se i nostri contenuti non sono soltanto giornalistici. Nell'ottica della partecipazione dal basso, ci sembrava sensato offrire ai nostri utenti, basta registrarsi, la possibilità di dare un voto alla propria università e in base a questo stilare un ranking, da affinacare alle classifiche "ufficiali". E' nato così l'Universitometro, una classifica in perenne movimento che verrà "chiusa" a fine anno accademico. E' peraltro una parte della sezione "Cosa Studio", tutta dedicata all'orientamento universitario e disponibile anche in app per Android (scaricabile da Google Play). Anche sulla App si può votare e consultare l'Universitometro. 

Che riscontri avete? Abbiamo lanciato lo strumento da pochissimo e già riscontriamo una buona partecipazione. Quello che ci auguriamo è che le comunità accademiche, studenti e docenti, si passino parola e diano un voto agli atenei di appartenenza. Il voto, da 1 a 5, si può dare in generale, oppure alla didattica, alla ricerca e alle strutture. In totale il voto dal basso fornirà quattro classifiche.  
 
Qual è al momento l'ateneo preferito e quale la "maglia nera"? In questo momento, mentre parliamo, nella classifica generale in testa c'è l'Università di Verona, in fondo quella di Teramo. Per quanto riguarda la didattica in testa c'è Ca' Foscari di Venezia e in fondo Perugia; per le strutture in testa c'è sempre Venezia e in fondo Bergamo; per la ricerca in testa c'è Bari e in ultima posizione Enna. Ma la classifica è in continuo movimento, soprattutto in questi primi giorni di voting con valori assoluti ancora bassi, per cui qualche voto in più può facilmente spostare la classifica. Diciamo che è un discorso che si vedrà col tempo.

Attendiamo la fine dell'anno accademico allora...
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Universometro, l'ateneo votato "dal basso": Alma Mater 43a in Italia

BolognaToday è in caricamento