Cronaca

Ranking QS: l’Università di Bologna è al 57° posto in Europa, e prima in Italia per reputazione accademica

Nella nuova edizione della classifica internazionale, l’Alma Mater ottiene il 57° posto in Europa (incluso il Regno Unito) e il 166° posto al mondo, confermandosi così ancora una volta nell'1% dei migliori atenei a livello globale. Primo posto a livello nazionale e 71° al mondo per Academic Reputation, il più importante indicatore del ranking

L'Università di Bologna è al 166° posto nella nuova edizione del QS World University Rankings. In particolare, l’Alma Mater ottiene il primo posto in Italia e il 71° posto a livello globale nel campo della Reputazione accademica (Academic Reputation): l’indicatore più importante del ranking (compone il 40% della valutazione finale), basato sulle valutazioni di oltre 130.000 accademici.

A livello generale, l'Ateneo bolognese si conferma quindi nella top 200 mondiale, mentre ottiene il 57° posto a livello europeo (in crescita rispetto allo scorso anno, quando era al 65° posto). Il ranking comprende quest’anno 1.300 università – 145 in più rispetto alla scorsa edizione – di 97 diversi paesi: considerando che nel mondo esistono circa 26.000 università, l’Alma Mater si conferma così ancora una volta nell'1% dei migliori atenei a livello globale.

Seppure i ranking internazionali offrano una visione parziale, questi risultati sono motivo di grande soddisfazione soprattutto se si considerano i parametri utilizzati per stilare la graduatoria che privilegiano università con un basso numero di studenti per docente. Tra le prime 57 università in Europa, l’Alma Mater è la più grande: i 56 atenei che la precedono nella classifica, molti dei quali anglosassoni, hanno in media 25.000 studenti (meno di un terzo di quelli dell’Alma Mater) e molti più docenti per studente. Ciononostante, l’Academic Reputation dell’Università di Bologna è tra le prime 20 in Europa e alla posizione numero 71 a livello mondiale.

Il QS World University Rankings è una delle più note classifiche universitarie mondiali, consultata ogni anno da decine di milioni di studenti. Il ranking si basa sulle opinioni di oltre 130.000 docenti, accademici e ricercatori e di 75.000 manager e direttori delle risorse umane, e comprende l’analisi di 14,7 milioni di pubblicazioni scientifiche e 96 milioni di citazioni.

Elezioni Unibo, Giuliana Benvenuti aspira così al rettorato: "Prima cosa, intervenire sull’organizzazione dell’Ateneo"

Unibo, la ricetta della candidata Finocchiaro: "Priorità a infrastrutture di ricerca, interdisciplinarità, semplificazione burocratica" 

Lavoro in Alma Mater, nuove misure per il reclutamento di docenti e ricercatori e 16 nuove posizioni di profilo tecnico 

Elezioni del Rettore Unibo, il candidato Giovanni Molari: "La priorità? Ridurre il precariato nella ricerca"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ranking QS: l’Università di Bologna è al 57° posto in Europa, e prima in Italia per reputazione accademica

BolognaToday è in caricamento