rotate-mobile
Cronaca Zona Universitaria / Via Zamboni

Vigilanza privata all'Università: pedinano e 'cacciano' le guardie, 11 denunciati

La mattina dell'8 marzo, un gruppo di attivisti li avevano pedinati e contestati, anche con il lancio di uova

Guardie di vigilanza privata nella zona universitaria dal 7 marzo. La decisione dell'Alma Mater di rafforzare il servizio "di guardiania" delle portinerie delle facoltà non era piaciuta ai collettivi universitari. 

La mattina dell'8 marzo scorso, un gruppo di esponenti del CUA - Collettivo Universitario Autonomo - li avevano pedinati e contestati, anche con il lancio di uova. La maggior parte era stata già identificata e oggi si apprende che 11 attivisti sronde cua-2ono stati denunciati. 

La Procura ne era stata subito informata ipotizzando il reato di violenza privata: "Questo comportamento ha impedito a due lavoratori di svolgere il proprio compito - aveva dichiarato il Procuratore aggiunto Valter Giovannini - la procura valuterà velocemente quali decisioni assumere". 

Per Cua invece "Non c'è mai stato e mai ci sarà spazio per ronde armate. A tre giorni dal corteo per Lorusso, ucciso nel 1977 proprio in zona universitaria e proprio da un carabiniere armato, è inaccettabile che per le biblioteche e le aule studio si aggirino guardioni armati. Basta ronde!"

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vigilanza privata all'Università: pedinano e 'cacciano' le guardie, 11 denunciati

BolognaToday è in caricamento