Il punto su vaccini e pandemia: "Per Ausl Bologna un costo di almeno 100milioni di euro nel 2021" |VIDEO

Il direttore sanitario e il direttore generale di Ausl Bologna questa mattina hanno fatto il consueto report sull'epidemia

"Risposta eccezionale della fascia di cittadini tra i 20 e i 29 anni". Così il direttore generale di Ausl Bologna, Paolo Bordon, che questa mattina, insieme al direttore sanitario, Lorenzo Roti, ha fatto il punto sulle vaccinazioni e sulla pandemia, alla vigilia dell'entrata in vigore del decreto sul Green Pass obbligatorio sui luoghi di lavoro. 

In questi giorni è partita la somministrazione della terza dose in abbinamento al vaccini antinfluenzale che vedrà il convolgimento anche dei medici di medicina generale: "Il target è di 59mila ultraootanteni, con seconda dose in scadenza e 7.800 ospiti delle Cra". 

"Abbiamo 30mila posti liberi entro fine ottobre, quindi stiamo valutando anche la somministrazione della terza dose agli over 60, già dalla prossima settimana, mentre per la prima i posti sono 6mila".

I vaccinati per fasce d'età

Buono il livello di copertura vaccinale per i bolognesi, all'87,7%, quindi sopra la media regionale. 

Il Green pass obbligatorio sui luoghi di lavoro, da domani 15 ottobre, ha fatto aumentare la richiesta di appuntamenti da parte dei 35-49enni, mentre "eccezionale" è stata la risposta dei 20-29 che sono stati vaccinati al 97% con la prima dose e all'88.9 anche con la seconda. 

50-59 anni 89,7& prima dose, 86,8% ciclo completo

60-69 anni 91.4% prima dose e 89,7% ciclo completo

70-79 anni 94% prima dose e 92,6% ciclo completo

Gli over 80 si avvicinano al 100%

Scuola e contagi 

"La maggior parte delle quarantene si hanno nells cuole primarie", quindi studenti under 12 per i quali non è prevista la vaccinazione, spiega Lorenzo Roti, mentre l'anno scorso i focolai si erano concentrati nelle classi delle superiori "al momento sono in quaratena 104 studenti e 12 operatori scolastici". 

Dei 104, 66 contagi si sono riscontrati tra la scuola dell'infanzia e la primaria. La fascia 12-19 anni è stata vaccinata per il 74,1% con prima dose, mentre il 68.8% ha completato il ciclo. 

Green pass obbligatorio 

Anche ad Ausl Bologna come in ogni luogo di lavoro, dal 15 ottobre scatterano i contatti del Green pass. L'aziensanitaria bolognese ha messo in campo 452 preposti al controllo che redigeranno un report: chi non è in regola sarà immediatamente allontanato, segue la sospensione e la segnalazione alle prefetture. Per novembre, potrebbe essere messo a punto un sistema di controllo automatizzato. 

Sanitari "no vax"

Sono stati effettuati 172 accertamenti di operatori sanitari non vaccinati: 66 si strutture private, 73 Ausl Bologna e 33 tra Rizzoli e Sant'Orsola. 51 sospesi hanno sanato la loro posizione. 

Tra i 73 ci sono 40 infermieri, 22 tra medici e veterinari, 3 psicologi e 8 tencici sanitari. 

Il costo della pandemia 

"Un report dell'Università Cattolica stima in 60 milioni al mese il costo della pandemia sul sistema nazionale - riferisce Bordon - per Ausl Bologna nel 2021 l'impatto sarà di almeno 100 milioni, ai quali vanno aggiunti i costi degli ospedali Rizzoli e Sant'Orsola". 

Coronavirus Emilia-Romagna, il report settimanale sull'epidemia | GRAFICI 

Tamponi molecolari, antigenici e salivari: cosa serve per il Green pass 

Terza dose: a Bologna già 2.500 vaccinati. Ora tocca agli over 60 e fragili 

Terza dose al via. L'80enne ai no vax: "Il vaccino è una benedizione, il morbillo ha ucciso mia figlia nel '62" - VIDEO 

Sullo stesso argomento

Video popolari

Il punto su vaccini e pandemia: "Per Ausl Bologna un costo di almeno 100milioni di euro nel 2021" |VIDEO

BolognaToday è in caricamento