Cronaca

Vaccini, il sindacato Nursind: "Infermieri pagati la metà rispetto i medici per fare iniezioni"

Contestata la disparità di trattamento tra camici bianchi e operatori professionisti

Un compernso "dimezzato" per gli infermieri rispetto ai medici, nel somministrare le dosi di vaccino anti-covid. È quanto denuncia Antonella Rodigliano, segretaria territoriale del sindacato Nursind Bologna, che chiede all'assessorato alla sanità della Regione di provvedere 

"Alla luce delle responsabilità e delle competenze richieste, non è giustificato riconoscere un compenso minore agli infermieri. Non vogliamo assumere competenze mediche, per questo riteniamo opportuno che le vaccinazioni avvengano sotto la supervisione di un medico, affinché possa valutare lo stato di salute del cittadino, ma allo stesso tempo non possiamo accettare una disparità di trattamento economico così evidente e l’apertura incondizionata ad altre categorie sanitarie senza una via prioritaria per gli infermieri.

La segretaria del Nursind inoltre precisa che “non siamo un sindacato di sola critica, facciamo anche le nostre proposte. E nello specifico sollecitiamo l’Assessorato regionale alla Sanità a istituire da subito una lista degli infermieri che manifestano interesse e di fornire le necessarie indicazioni (linee guida) alle aziende USL e a quelle ospedaliere, affinché possano procedere al conferimento degli incarichi temporanei agli infermieri, che già svolgono attività ordinaria nelle strutture pubbliche, senza che si originino i soliti fenomeni di favoritismo, affinché si possa agire con criteri oggettivi. Non vogliamo certo vincolare le istituzioni sanitarie a dare l’incarico a chiunque dia la sua disponibilità - sottolinea quindi Antonella Rodigliano-, ma non possiamo neanche accettare che ci sia una gestione personalistica a livello locale”.

"No Paura Day", a Bologna l'appuntamento dei negazionisti senza mascherina | VIDEO

Controlli anti-covid. Festa di compleanno a sorpresa, la vicina chiama i carabinieri: 8 multe

Vaccini, da casa in Fiera in ambulanza: un nuovo servizio per i pazienti allettati

L'Appennino si prepara all'estate: "Tantissime prenotazioni ma manca l'offerta" | VIDEO

Covid e carcere, il Garante dei detenuti: "Vaccini snodo fondamentale per la sicurezza"

Covid, al Sant'Orsola chiude una terapia intensiva: "E anche questa volta è finita, speriamo"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccini, il sindacato Nursind: "Infermieri pagati la metà rispetto i medici per fare iniezioni"

BolognaToday è in caricamento