Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca

Troppo pochi per i medici i vaccini anti-influenza, Ausl: 'Allarmismo ingiustificato!'

Botta e risposta tra la Federazione dei Medici, che lamenta dosi scarse, e Ausl Bologna: 'Acquisite sulla base del numero di vaccinazioni effettuate lo scorso anno, 146.000'

Appena partita la campagna di vaccinazione antinfluenzale ed è già polemica.

'Il quantitativo di dosi predisposte è anche quest’anno inferiore alle attese della categoria, è facile prevedere situazioni spiacevoli e di difficoltà che potrebbero avere come risultato finale, un esito contrario alle aspettative", così il , Dott. Fabio M. Vespa, segretario generale di FiMMG. Federazione Medici di Medicina Generale, che denunciava anche che "gli elenchi prodotti risultano, anche ad un osservatore superficiale, assolutamente inadeguati, di scarsa utilità ed in parte addirittura controproducenti"

Alle dichiarazioni di Vespa, hanno fatto seguito le precisazioni dell’Azienda USL di Bologna per la quale "gli elenchi di soggetti a rischio da vaccinare prioritariamente, redatti secondo criteri omogenei da tutte le Aziende sanitarie regionali, sono uno strumento orientativo e di mero supporto all’attività vaccinale dei Medici di famiglia. A loro spetta, in base alla conoscenza diretta dei propri assistiti e alla valutazione clinica, l’individuazione delle persone più fragili da vaccinare, anche se non ricomprese negli elenchi, con piena titolarità nell’utilizzo delle risorse disponibili".  

Riguardo alle quantità "le 150 mila dosi di vaccino antinfluenzale messe a disposizione, gratuitamente, dall’Azienda USL di Bologna per i cittadini residenti nell’area metropolitana bolognese sono state acquisite sulla base del numero di vaccinazioni effettuate lo scorso anno (146.000). L’Azienda ha già annunciato, e conferma, l’acquisto di ulteriori 30 mila dosi, se necessarie, dopo aver valutato l’andamento della campagna vaccinale".

Infine "spiace verificare la diffusione alla opinione pubblica di notizie che possono provocare disinformazione o suscitare allarmi ingiustificati, e che sembrano trovare la loro ragion d’essere nella attuale congiuntura sindacale più che nella preoccupazione per la salute dei cittadini".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Troppo pochi per i medici i vaccini anti-influenza, Ausl: 'Allarmismo ingiustificato!'

BolognaToday è in caricamento