menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ritardo vaccino Pfizer, non c'è una data di rientro: "Governo si muova per garantire le dosi acquistate"

Questa settimana arriveranno solo alcune decine di migliaia di dosi rispetto al mezzo milione preventivato. FI: "Vaccinare gli insegnanti il prima possibile"

Stefano Bonaccini torna a rivolgersi al Governo sulla carenza di vaccini anti-Covid, dopo l'appello inviato ieri dall'assessore regionale alla Sanita' Raffaele Donini. "L'Emilia-Romagna è pronta. Proseguiamo a vaccinare. Noi vogliamo accelerare, e siamo in grado di farlo", scandisce oggi via social Bonaccini.

Per questo, sottolinea, "ci siamo rivolti al Governo, al ministro Speranza e al commissario Arcuri, perché la riduzione della fornitura Pfizer-BioNtech che registriamo questa settimana sia solo temporanea, che la fornitura torni regolare già dalla prossima settimana, compreso il recupero delle dosi non arrivate in questi giorni. Su questo, il Governo, così come l'Unione europea, devono vigilare e non arretrare di un centimetro: le dosi acquistate devono arrivare nei territori, la campagna di vaccinazione deve proseguire a pieno ritmo. Punto". Per Bonaccini questo "è il momento della serietà e della responsabilità". La battaglia "è troppo importante. La dobbiamo combattere tutti insieme, non c'è tempo da perdere".

In questi minuti, aggiorna il conto il governatore per quanto riguarda le somministrazioni, "stiamo superando quota 120mila vaccini eseguiti in Emilia-Romagna. Siamo tra le regioni che vaccinano di più in Italia, quella che lo fa di più in assoluto in rapporto alla popolazione. Un risultato che stiamo ottenendo grazie all'impegno senza sosta delle aziende sanitarie, di medici, infermieri e operatori".

Ieri, ricorda, "abbiamo iniziato i cosiddetti 'richiami', ovvero la somministrazione della seconda dose per coloro che sono stati vaccinati per primi, un passaggio imprescindibile per l'efficacia del vaccino stesso. E stiamo lavorando al piano vaccinale regionale che, da febbraio-marzo, quando la campagna verrà estesa al resto della popolazione, triplichi lo sforzo di somministrazione rispetto alle 8-10.000 giornaliere che abbiamo fatto finora, per arrivare il prima possibile alla cosiddetta immunità  di gregge".

Castaldini (FI): "Vaccinate prima gli insegnanti"

"Abbiamo chiesto al Governo che gli insegnanti entrino nella campagna vaccinale il prima possibile. E non c'è nessuna intenzione di recedere da questa richiesta". A metterlo in chiaro è Paola Salomoni, assessore regionale all'Istruzione dell'Emilia-Romagna, rispondendo oggi in Assemblea legislativa all'interrogazione della forzista Valentina Castaldini. Secondo l'azzurra, "l'unico modo per combattere la dispersione scolastica in questa fase è tornare in classe. Ma siamo terrorizzati dal fatto che questa sia l'unica settimana di scuola, che tra una settimana saremo zona rossa e che i ragazzi stiano di nuovo a casa".

Per questo, esorta Castaldini, la Regione deve farsi carico del compito di realizzare uno screening di massa coi tamponi rapidi all'interno delle scuole e di inserire il personale scolastico e i ragazzi sopra i 16 anni nella campagna vaccinale. "Gli insegnanti devono essere tra i primi a essere vaccinati e il prima possibile- ribadisce dal canto suo Salomoni- su questo c'è l'impegno della Giunta e del presidente Bonaccini".

Quanto allo screening, aggiunge l'assessore, "abbiamo aumentato la frequenza con i tamponi rapidi in farmacia. E stiamo riflettendo anche su altri strumenti, che però in questa fase sono complessi" a causa del forte impegno degli operatori sanitari nelle attività ospedaliere. Quanto alla dispersione scolastica, aggiunge Salomoni anche in risposta a una seconda interrogazione, presentata dalla consigliera Stefania Bondavalli della lista Bonaccini, la Regione "è al lavoro con l'Ufficio scolastico e le scuole per individuare attività ulteriori" all'indirizzo in particolare dei ragazzi delle superiori. "Non dobbiamo cambiare, né certamente invertire, le nostre politiche contro la dispersione scolastica- afferma l'assessore- si tratta solo di rafforzarle". (Dire)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento