Sirio Tesori

Opinioni

Sirio Tesori

Collaboratore BolognaToday

A Bologna ci potrebbero essere ancora 30mila over60 da vaccinare

La popolazione ancora, a vario titolo, senza una dose di vaccino è stimata in quasi il dieci per cento della classe di età relativa. Nella fascia 60-69 i non vaccinati raddoppiano, ma nel complesso il 79 per cento degli over60 è immunizzato

Poco più di 31mila persone, cioè quasi 10 per cento della platea di riferimento. E' la stima -fatta da chi sta scrivendo- sul numero di over 60 che ancora non avrebbero fatto nemmeno una dose di vaccino, nel territorio ricompreso tra le Ausl di Bologna e Imola, il territorio metropolitano.

A tanto ammonta il 'ritardo' sulla corsa a mettere in sicurezza la popolazione più fragile, per quanto riguarda la malattia da Sars Cov-2, prima di ritornare a chiusure economicamente dolorose dopo la prevedibile esplosione dei contagi autunnale. 

La stima dei numeri che seguono è stata ricavata indirettamente guardando alle percentuali regionali di somministrazione vaccini (aggiornate a oggi martedì 20 luglio, ndr) sulla fascia di popolazione relativa (dai 60 anni in su), quest'ultima disaggregata a livello provinciale sulla base delle tavole Istat del 2020. Ipotizzando una copertura vaccinale nelle somministrazioni simile per tutte le province, il calcolo risulta relativamente semplice, anche se solo stimato.

Nessuna prima dose per migliaia di over60

Basandosi su queste condizioni, ecco la stima: all'appello, con tutte e due le dosi di vaccino, in tutta la provincia, mancherebbero rispettivamente oltre 19mila persone tra i 60 e i 69 anni, circa 10mila tra i 70 e i 79, e poco più di 1600 ultraottuagenari, con percentuali rispettivamente per le proprie classi di età del 15,91, del 9,81 e del 1,89 per cento.

Percentuali che salgono rispettivamente a l 19, a circa il 10 e a poco più del 4 per cento per quanto riguarda la stima di chi ha fatto già una dose e sta aspettando la seconda.

Va detto che dentro questo calcolo -approssimato- sono ricompresi anche tutti quelli che a vario titolo non possono effettuare il vaccino per i più svariati motivi, come ad esempio una immunodepressione o altre patologie che comportano l'impossibilità di sottoporsi al vaccino.

Alte le percentuali di immunizzati: over80 al 94 per cento

Va anche detto che le percentuali invece di persone over60 che hanno completato il ciclo vaccinale sono stimate molto alte: prendendo sempre a proporzione i numeri della regione e proiettandoli nel contesto provinciale, i tassi di persone con la profilassi completata si stimano in oltre il 94 per cento per gli over80 e più, nel 78 per cento per i 70-79enni, e per circa il 66 per cento per i 60-69enni.

Tutte percentuali che, se si esclude la fascia 50-59, a livello regionale, hanno i tassi di riuscita della campagna vaccinale più alti di tutte le altre classi di età.

ER vaccini 20 lug 21 - fonte Regione ER-2

(Fonte: portale vaccini Regione Emilia-Romagna)

In quanto tempo la provincia immunizzata? La stima

Difficile fare una stima sul periodo di tempo necessario a coprire queste 31mila persone. Di base si può però già dire che, oltre i 31mila senza vaccino, si stimano anche 37mila over 60 che hanno fatto almeno la prima dose, e quindi -si presume- completeranno il ciclo vaccinale nelle prossime settimane.

Guardando invece a tutti quelli che ancora non hanno avuto un appuntamento con l'ago, e cioè tutta la relativa parte di popolazione dai 12 anni in su, una stima per la l'area metropolitana può invece essere fatta.

A livello aggregato, non è noto il tasso medio quotidiano di vaccinazioni per fascia di età, ma si può guardare a una stima indiretta, leggendo i numeri delle somministrazioni totali delle Ausl di Bologna e Imola dal 1 luglio a ieri, e stimarne appunto una media giornaliera.

Se si osservano i report quotidiani, si può vedere come nell'Ausl di Bologna, mediamente, dal 1 luglio a ieri, siano stati praticate circa 7500 vaccinazioni al giorno. Nell'Ausl di Imola siamo a poco più di 1500. Quindi in totale, ogni giorno si può ipotizzare che nell'area metropolitana vengano somministrate circa 9000 dosi di vaccino, in percentuali oscillanti tra prime e seconde dosi.

Ora, stimando che anche in provincia di Bologna sia stata superata la metà delle persone immunizzate come in Regione, (50,11 per cento a stamane, ndr), rimarrebbero da coprire quasi 430mila persone, circa un terzo delle quali già con prima dose effettuata. Rimarrebbero quindi un totale, più o meno, di 747mila dosi da utilizzare, per completare i cicli delle seconde dosi e vaccinare a doppia dose il resto della popolazione. Con un rateo giornaliero medio di 9000 vaccini (tra prime e seconde dosi), la copertura totale della popolazione non avverrebbe quindi prima un'ottantina di giorni, tre mesi scarsi.

Va detto che questa una proiezione pessimistica, che non tiene conto di diversi fattori, non ultimo dei quali la possibilità di inoculare il vaccino monodose Janssen agli over 60 di cui sopra. Del pari, le somministrazioni giornaliere potrebbero ancora aumentare. Risulterebbe quindi realistico arrivare alla piena immunizzazione della popolazione target per la fine dell'estate.

Si parla di
Sullo stesso argomento

A Bologna ci potrebbero essere ancora 30mila over60 da vaccinare

BolognaToday è in caricamento