Cronaca

Infezione dopo la prima dose: i chiarimenti di Ausl e Regione

Il calendario delle somministrazioni a volte viene alterato dall'insorgere del Covid. Le linee giuda per capirer cosa fare

Cosa succede se, dopo aver ricevuto la prima dose, si contrae la malattia, e quali le conseguenze sul calendario vaccinale? La Regione cerca di rispondere con alcune linee.guida, sulla base di una circolare emessa dal ministero della Salute. 

In base alle indicazioni ministeriali, in caso di infezione da SARS-CoV-2 confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) entro il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose, il completamento del ciclo vaccinale con una seconda dose va effettuato entro sei mesi (180 giorni) dall’infezione documentata (data del primo test molecolare positivo).  Trascorso quest’arco di tempo, il ciclo vaccinale potrà essere comunque completato, il prima possibile, con la sola seconda dose.

Vaccino Covid, Donini: "Per terza dose pronti tra 10 giorni"

Nel caso in cui l’infezione da SARS-CoV-2 sia invece confermata (definita dalla data del primo test molecolare positivo) oltre il quattordicesimo giorno dalla somministrazione della prima dose di vaccino, la schedula vaccinale si intende completata: l’infezione stessa, infatti, è da considerarsi equivalente alla somministrazione della seconda dose. Resta inteso che l’eventuale somministrazione di una seconda dose non è comunque controindicata; ciò vale anche per i soggetti guariti, in precedenza non vaccinati, che hanno ricevuto una sola dose di vaccino dopo l’infezione da SARS-CoV-2.

Nella circolare viene ribadito che l’esecuzione di test sierologici, volti a individuare la risposta anticorpale nei confronti del virus, non è indicata ai fini del processo decisionale vaccinale

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Infezione dopo la prima dose: i chiarimenti di Ausl e Regione

BolognaToday è in caricamento