Giallo via Pizzardi, 71enne confessa: "Stava entrando in casa e ho sparato"

Ha confessato il pensionato che ha sparato al 31enne in zona Massarenti l'altra notte. Il ragazzo, dice di essre entrato nel cortile per recuperare la bici rubata e si è preso una pallottola nella gamba

L'altro giorno, la notizia di un giovane ferito da un colpo di arma da fuoco in zona Massarenti, in via Pizzardi: il giallo si è risolto come non si poteva immaginare.  A sparare un pensionato di 71 anni che abitava nello stabile dove l'uomo si era introdotto, perché, a quanto ha riferito agli inquirenti, avrebbe riconosciuto nel cortile la bicicletta che gli era stata rubata un anno prima.

L’autore del gesto è stato identificato in F.F., 71enne pensionato, residente in un condominio ubicato alcune centinaia di metri dal luogo in cui è stata ritrovato e soccorso il ferito (che presentava ferite lacero-contuse al capo ed una ferita d’arma da fuoco alla gamba destra). Gli investigatori hanno così accertato che il ferimento è avvenuto a seguito di un presumibile tentativo di furto attuato dal 31enne nell’abitazione del pensionato. Poco dopo la mezzanotte il 71enne, che si trovava in casa con la moglie, ha avvertito dei rumori provenienti dal balcone della cucina, posto al piano rialzato, notando un uomo che dall’esterno aveva già sollevato la tapparella e stava provando a forzare l’infisso. Preso dal panico si è armato del revolver “Smith e Wesson” cal. 38, regolarmente detenuto, ed è uscito di casa per indurlo a scappare. Proprio in quel frangente il giovane, vistosi scoperto, si sarebbe avventato contro il pensionato che teneva l’arma in pugno. Nella colluttazione è partito così un colpo di pistola che ha attinto il 31enne. Quest’ultimo è allora scappato accasciandosi poco distante, nel luogo dove è stato poi soccorso da personale del 118.

TRACCE DI SANGUE IN CORTILE. Durante il sopralluogo operato nella zona, i Carabinieri hanno localizzato nel cortile esterno del condominio dove abita il pensionato tracce ematiche nonché l’ogiva del colpo esploso. All’interno della sua abitazione, i militari quindi hanno rinvenuto e sequestrato 4 pistole (fra cui la pistola da cui è partito il colpo) e 4 fucili, tutte armi regolarmente detenuti, nonché munizionamento (in parte non denunciato). Durante le operazioni di perquisizione, il pensionato ha ammesso le proprie responsabilità, rendendosi disponibile a collaborare. Per il 71enne, che dopo l’episodio non ha avvisato alcun organo di polizia, è così scattata la denuncia in stato di libertà alla locale A.G. per lesioni personali aggravate, detenzione abusiva di munizioni e detenzione e porto abusivo di arma da fuoco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Come asciugare i vestiti quando fa freddo evitando quello strano odore di umido

  • Bollettino Covid, +1.413 casi in regione e 15 morti. Salgono i ricoveri

  • Coronavirus, il piano della Regione Emilia-Romagna: "Intanto isolare famiglie con positivi"

  • Bollettino Covid, boom contagi: +1.180 casi in regione, +348 a Bologna. Altri 10 morti

  • E' nata la figlia di Gianluca Vacchi: ecco come si chiama. Tenera foto sui social

  • Crollo in via del Borgo: morto al Maggiore lo studente travolto dalle macerie

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BolognaToday è in caricamento