menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto archivio

Foto archivio

Lite al Navile: insegue gli 'avversari' con una katana, nei guai 20enne

Tutto era iniziato da una lite tra due giovani. Ieri l'epilogo all'interno di un centro scommesse

Un giovane è stato denunciato dalla polizia per minacce gravi aggravate e porto abusivo di armi. Ieri alle 14 il 113 ha ricevuto la segnalazione da parte di un cittadino: un uomo si aggirava con una "spada" in via Giovanni XXIII, nel quartiere Navile. 

Gli agenti, giunti sul posto hanno raccolto le varie testimonianze: dal racconto del padre del giovane "armato", un uomo di 53 anni di origine marocchina, si è appreso che tutto era iniziato venerdì sera, quando il figlio 30enne e un 22enne di origine rumena, avevano ingaggiato una lite. Ad avere la peggio era stato il più giovane che aveva riportato una vistosa ferita al volto, così ieri, insieme al padre 49enne sarebbero andati a cercarlo a casa.

Il 30enne, non deve aver gradito l'arrivo dei due, così è sceso e li ha inseguiti, arrivando fino a un centro scommesse, dove si erano rifugiati. Nel tentativo di entrare ha spaccato anche un vetro per poi minacciarli. In seguito ha ricambiato la visita e si è recato sotto casa dei rumeni e ha preso a calci il portone. 

La polizia lo ha rintracciato in via Agucchi: la katana non è stata ancora rinvenuta, nè si è arivati a capo dei motivi che avevano scatenato il litigio. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento