FOTONOTIZIA| Sputi e spazzatura, forzata la sede di Fratelli d'Italia

Il coordinatore: "Qualche manina ha forzato la serranda della nostra sede e, dopo aver sputato sui vetri, ha introdotto un sacco di immondizia"

Foto Lorenzo Tomasssini

"La cultura democratica ed il rispetto di tutte le opinioni politiche (come Costituzione vorrebbe) non appartengono ai nostri avversari politici". E' l'incipit del post del coordinatore bolognese di Fratelli d'Italia Lorenzo Tomassini. La sede del partito di Giorgia Meloni, in via D'Azeglio, inaugurata a luglio del 2019, è stata presa di mira da ignoti che, dopo aver forzato la serranda, ha lasciato una busta di pattume e sputato sul vetro. 

"Una volta in più, qualche manina ha forzato la serranda della nostra sede e, dopo aver sputato sui vetri, ha introdotto un sacco di immondizia, con tanto di etichetta 'rifiuti indifferenziati. Come in altre occasioni, abbiamo pulito, rimuovendo ogni traccia del passaggio di chi non tollera la libertà di espressione e vorrebbe che 'indifferenziato' fosse il pensiero". 


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Coronavirus Emilia-Romagna: +2723 contagi, 47 morti (25 a Bologna)

Torna su
BolognaToday è in caricamento