rotate-mobile
Cronaca Porto / Via Camillo Casarini

Via Casarini, scavalcano il muro delle ferrovie: l'auto carica di bobine di rame

Bloccati ladri di oro rosso: si presume che abbiano avuto complici al'interno dello scalo

Li hanno fermati con l'auto stranamente ribassata sul posteriore: dentro il bagagliaio tre quintali di cavi di rame in 17 matasse. Così due quarantenni, lei italiana, lui tunisino, sono stati arrestati per furto ieri sera dalla polizia.

Il tutto si è verificato non più tardi delle 19: è stato un residente a chiamare il 113, raccontando di avere visto un trasbordo molto sospetto di materiale lungo il muro di cinta dello scalo ferroviario del Ravone, in va Casarini. Nei fatti, delle persone stavano caricando un'auto in sosta con del materiale che proveniva dall'altra parte del muro.

All'arrivo della volante però dell'attività no vi era più traccia. GLi agenti allora si sono fatti descrivere il veicolo e ne hanno rintracciato uno simile a poca distanza, lungo via Saffi. Qui, sotto un telo, la scoperta delle matasse di cavo inguainato per l'elettrica di potenza, con tutta probabilità proveniente dallo scalo ferroviario. Con l'aiuto anche della polizia ferroviaria, i poliziotti hanno arrestato la coppia dentro l'auto, anche se il sospetto è che i due possano avere ricevuto aiuto da parte di persone che poi sono riuscite a dileguarsi lungo i binari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Casarini, scavalcano il muro delle ferrovie: l'auto carica di bobine di rame

BolognaToday è in caricamento