Via de' Castagnoli, 150 insegnanti precari in presidio: traffico bloccato

Sotto l'ufficio del provveditorato metropolitano va in scena la branca bolognese della protesta nazionale. In centinaia gli insegnanti che rischiano il posto

Il primo giorno di scuola dopo le vacanze inizia con uno sciopero e un presidio, sotto l'ufficio scolastico regionale, degli insegnanti precari delle scuole elementari e materne. Tra le sigle che hanno indetto l'iniziativa, anche Diplomati magistrale, Politeia e Cobas Bologna.

Circa 150 insegnanti, nella mattinata hanno sostato davanti all'Usr: via De' Castagnoli è rimasta interdetta al traffico per diverse ore. Il nocciolo della questione è il parere del Consiglio di Stato che ha negato il diritto dei docenti in possesso di diploma magistrale all'inserimento in GaE, le graduatorie ad esaurimento dalle quali il ministero attinge per inserire in organico i docenti nelle scuole. A Bologna sarebbero alcune centinaia gli insegnanti interessati dalla vicenda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

Torna su
BolognaToday è in caricamento