Cronaca Navile / Via Giuseppe Crespi

Via Crespi, truffa della cauzione: 'nonnino' sventa il raggiro

Questa volta la vittima prescelta è un quasi centenario che non si è lasciato abbindolare

"Suo figlio è trattenuto negli uffici di polizia e per liberarlo è necessario pagare 2.900 euro". E' il copione ricorrente recitato dai truffatori che tentano di estorcere denaro soprattutto alle persone anziane e sole.

Questa volta la vittima prescelta è un quasi centenario, un pensionato nato nel 1920 che vive in via Giuseppe Crespi, nel quartiere Navile. 

Come da prassi il sedicente "avvocato Molinari" ha telefonato all'anziano e ha raccontato la solita storiella del figlio, informandolo che di lì a breve sarebbe arrivato un suo incaricato, tale Luca, a ritirare la somma, ma quando il giovane si è presentato alla porta il 96enne gli ha comunicato candidamente che stava per chiamare la polizia, mettendolo in fuga. Poi l'ha chiamata davvero. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Crespi, truffa della cauzione: 'nonnino' sventa il raggiro

BolognaToday è in caricamento