Rapinatore in fuga, poliziotti fuori servizio sentono le urla e lo fermano

Entrato nell'esercizio commerciale “Terranova” e avere prelevato dei capi di abbigliamento, ha oltrepassato le barriere senza pagare la somma dovuta e una volta attivati i rilevatori sonori antitaccheggio, ha iniziato a correre per sfuggire all'addetto alla sicurezza

Nella giornata di ieri, due uomini della Polizia di Stato fuori servizio effettivi al Compartimento Polizia Ferroviaria per l’Emilia Romagna, stavano tranquillamente passeggiando lungo via dei Mille quando hanno udito delle urla e visto due soggetti che correvano nella loro direzione, uno dei quali stava inseguendo l’altro che aveva appena commesso un furto e hanno immediatamente provveduto a bloccare il fuggitivo.

Il reo, dopo essere entrato nell’esercizio commerciale “Terranova” e avere prelevato dei capi di abbigliamento, ha oltrepassato le barriere senza pagare la somma dovuta e una volta attivati i rilevatori sonori antitaccheggio, ha iniziato a correre per sfuggire all’addetto alla sicurezza (un uomo senegalese) del negozio che però gli è corso dietro per fermarlo. 

Una volta sottoposto a controllo, il reo nato in Marocco nel 1969 pluripregiudicato per reati contro il patrimonio, irregolare sul territorio nazionale, è stato arrestato per rapina impropria aggravata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sente rumori sospetti in casa e spara, ucciso un uomo

  • Scomparso nella notte, ritrovato morto in un campo

  • Whoopi Goldberg a Bologna: da Hollywood alle osterie del centro

  • Lega: "A Bologna party universitario blasfemo, intervenga il Rettore"

  • Morti in incidenti stradali: Bologna la più colpita, diventa obbligatorio l'alcol-lock

  • Rifiuti, stop indifferenziata porta a porta: da oggi si usa solo la Carta Smeraldo

Torna su
BolognaToday è in caricamento