Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Reno / Via Emilia Ponente

Anziana di 96 anni non ci casca: truffatore "gabbato", la scusa del debito non funziona

L'ha avvicinata e le ha passato al telefono un attore che si è finto il figlio per convincerla a pagare un debito inesistente. Arrivata in banca è sorto il dubbio che fosse una truffa

Un copione già letto, ma che continua a mietere vittime fra gli anziani. Il truffatore di turno ha fermato una donna anziana (classe 1918) che stava rincasando in via Emilia Ponente dopo la spesa quotidiana e le ha comunicato che il figlio (specificandone il nome) aveva contratto con lui un debito di 1.000 euro per l'acquisto di un personal computer e che ora andavano restituiti.

LA FINTA TELEFONATA AL FIGLIO. Per convincere l'anziana, il truffatore ha fatto una telefonata e le ha passato il cellulare: dall'altra parte prima una donna e poi una voce maschile che si spacciava per il figlio. A quel punto lei si è convinta e si è offerta di firmare un assegno, non avendo con sè tutti quei contanti. "No, l'assegno meglio di no. L'accompagno in auto fino alla sua banca".

LA CORSA IN BANCA, I PRIMI SOSPETTI. Accompagnata la vittima presso l'istituto di credito, una filiale della Banca di Bologna, l'uomo ha parcheggiato e le ha detto che l'avrebbe aspettata lì: ma lei, una volta dentro, ha richiamato il figlio e ha scoperto che era tutto un inganno. La direttrice della banca è venuta a sapere della cosa e ha avvertito gli agenti. Convinti di trovarlo ancora lì, purtroppo all'arrivo della Polizia il malvivente era già andato via.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anziana di 96 anni non ci casca: truffatore "gabbato", la scusa del debito non funziona
BolognaToday è in caricamento