Cronaca Via Ferrarese

Inseguimento in Bolognina: pusher ammanettato, in tasca 2mila euro di droga

Ammanettarlo non è stato facile: un agente è rimasto ferito. Addosso eroina e cocaina, 370 euro e sacchetti per il confezionamento

La droga e il denaro sequestrati

Un arresto nato da segnalazioni e denunce quello di un cittadino tunisino di 23 anni, irregolare e senza fissa dimora, finito in manette ieri mattina per spaccio, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni finalizzate alla resistenza.

Gli agenti del commissariato Bolognina-Pontevecchio in borghese lo hanno colto in flagrante inpieno giorno, mentre cedeva un involucro in cambio di denaro a un altro straniero in via Ferrarese. Mentre "l'acquirente" ha fatto perdere le sue tracce scavalcando la recinzione della ex-manifattura tabacchi, il 23enne si è dato alla fuga, liberandosi di un involucro: è stato inseguito prima in auto e poi a piedi fino al parco delle ex Caserme Rosse, frequentato da bambini ed anziani, e vicino a un asilo nido. Ammanettarlo non è stato facile, ne è nata una colluttazione e un agente, colpito con calci e pugni, ha riportato diverse lesioni alla spalla e alle gambe, guaribili in almeno tre settimane.

Sono stati sequestrati 36 grammi di eroina e cocaina, già divisi in ovuli (valore commerciale di circa 2mila euro), 370 euro in contanti e sacchetti di cellophane per il confezionamento. 

"Più i cittadini si fideranno e collaboreranno, maggiori saranno i risultati". E' il commento della neo vicedirigente del commissariato Bolognina-Pontevecchio Graziella Currò "siamo contenti perché si tratta di una risposta portata a casa grazie all'ascolto". 

immagine video-40-56

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inseguimento in Bolognina: pusher ammanettato, in tasca 2mila euro di droga

BolognaToday è in caricamento