rotate-mobile
Lunedì, 15 Agosto 2022
Cronaca Centro Storico / Via Goito

Via Goito, ondate di furti nei negozi: "Tante piccole avvisaglie, la zona a rischio"

In due mesi un'escalation di furti ai danni di commercianti e clienti dei locali: apprensione in via Goito per una crescente mancanza di sicurezza

Una lunga lista di attività commerciali che denunciano un'altrettanto corposo elenco di furti e truffe, tutte localizzate in via Goito e in via Oberdan (già una segnalazione per la Coop) e tutte concentrate e cresciute nell'arco di pochi mesi. "La cosa più allarmante - dice il titolare del ristobar Cinque50 Roberto Aulicino, portavoce dei colleghi - è che gli individui in questione si introducono nei negozi e ci affrontano senza timori, in pieno giorno, spesso anche davanti a testimoni a telecamere. Comprendiamo le diffcoltà economiche che le Amministrazioni Pubbliche stanno affrontando in questo periodo di crisi. Ma la crisi è anche nostra e per tenere la serranda alzata e dare lavoro ad altre persone, dobbiamo sentirci sicuri e non lasciati soli".

Furti in via Goito: le attività colpite

Roberto Aulicino, che parla a nome di tutte le attività commerciali prese di mira dai malviventi di zona, fa una panoramica chiara e si appella ai politici locali, affinchè promuovano in qualche modo uno schema garante di maggiore sicurezza, anche semplicemente prendendo atto dell'emergenza in corso: "Paradossale che si sia arrivati a questo proprio in via Goito, fino a poco tempo fa fuori da ogni sospetto: noi cerchiamo di essere vigili e collaborativi, ma abbiamo bisogno di aiuto. Tante telecamere, ma poche funzionanti, noi che dobbiamo acquistarle per noi ma senza sgravi, confidando nelle nostre risorse che in di questi tempi non sono certo enormi, visto che il periodo è difficile per tutti". Il leghista Manes Bernardini è stato contattato da Aulicino (anche per via del Borgo di San Pietro la segnalazione è partita dal Carroccio) dopo altre denunce mosse ad assessori e consiglieri, che però non hanno risposto all'appello, per lo meno non fino ad oggi: Bernardini è andato sul posto e ha parlato con i commercianti.

L'ELENCO DI TUTTI I FURTI. Un "diario" di tutte le denunce fatte a seguito dei furti o dei tentati furti è stato aggiornato e divulgato dai titolari delle attività, che hanno confermato il loro brusco cambio di atteggiamento: "Siamo più diffidenti, ci guardiamo le spalle, consapevoli che i responsabili di questi misfatti non hanno niente da perdere. Non abbiamo subito per fortuna delle violenze, ma dalla piega che hanno preso le cose, il timore è che le cose peggiorino".

CINQUE 50 Ristobar – Via Goito: Venerdì 31 Gennaio: furto riuscito – asportazione valori per 850 euro, cellulari, borsa, portafogli, documenti – ore 17:45 del pomeriggio, titolari presenti nell’attività ed impegnati a mettere a posto il magazzino
Sabato 1 Febbraio: tentativo di truffa non riuscito: 3 presumibilmente albanesi con la scusa di cambiare denaro – ore 21:20 – mandati fuori.
PAZZESQUE – Via Goito: 30 Settembre: tentativo di furto non riuscito: presumibilmente tossico, tentativo di prendere l’incasso dal registratore di cassa – titolare resiste e mette in fuga
SHERLOCK HOLMES PUB – Via Goito: Sabato 1 Febbraio: truffa riuscita: 3 presumibilmente albanesi, con la scusa di cambiare denaro, creano confusione chiedendo bevute e contraddicendosi mentre uno di loro continua a creare confusione con la richiesta di cambiare denaro – danno 95 euro – ore 21:25
Venerdì 14 Febbraio: furto riuscito – asportazione di cellulare, mentre il titolare era in laboratorio a preparare l’aperitivo – ore 18:10
MC SUN – Via Goito: Giovedì 23 Gennaio: tentativo di furto non riuscito - presumibilmente italiano, tentata asportazione della borsa dal retro banco, impiegata pone resistenza e mette in fuga la persona – ore 16:00 circa
InCOOP – Via Oberdan: Martedì 28 Gennaio: furto riuscito – durante l’orario di apertura, presumibilmente marocchino a viso scoperto intima la cassiera di dare i soldi presenti in cassa, lei non riesce a reagire in tempo che la persona prende tutto il contante e scappa indisturbato – danno 1.400 euro circa
MARANGONI via Goito: Settembre 2013: tentativo di furto non riuscito: 2 persone di nazionalità straniera tentano di asportare oggetti dal negozio, allontanati dall’intervento di negozianti vicini che hanno sentito la proprietaria chiedere aiuto
CARTAMARKET – Via Goito: Dicembre 2013: tentativo di furto non riuscito: due persone di nazionalità straniera tentano di sollevare la serranda abbassata, messi in fuga dall’arrivo del titolare allarmato dal rumore mentre era in magazzino
LIBRERIA TRAME – Via Goito: Febbraio 2014 – Furto: una persona con la scusa di guardare libri riesce a sfilare un portafoglio da una cliente. Da Ottobre ad oggi lamenta una forte escalation di furti di libri
PIZZERIA PINO – Via Goito: Febbraio 2014 – Furto: una ragazza con un complice all’esterno, entrambe di nazionalità italiana, entra con la scusa di usare i servizi igienici, ne approfitta per prendere un mazzo di chiavi di un’auto da un giaccone posto sull’attaccapanni, con conseguente furto dell’auto, ritrovata due giorni dopo
SMOKY – Via Goito: Dicembre 2013 - Furto riuscito: cinque ragazzi molto giovani di cui 3 italiani e 2 stranieri asportano un kit di sigarette elettroniche mentre la titolare era impegnata con altri clienti
GYROSTERIA – Via Goito: 15 Gennaio - Furto riuscito: asportazione di una borsa posta sopra al bancone mentre il negozio aveva la serranda abbassata ed il proprietario era nel retro del negozio – danno: documenti e poco meno di 50 euro
TONY & GUY PARRUCCHIERI – Via Oberdan: Febbraio 2014 – Furto con scasso: durante la notte è stata divelta la vetrata, asportazione di un piccolo fondo cassa
EDICOLA via Oberdan angolo via Altabella:16 Febbraio 2014 – Furto con scasso: durante la notte forzatura di serrature e saracinesca, nessun valore trovato all’interno

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Goito, ondate di furti nei negozi: "Tante piccole avvisaglie, la zona a rischio"

BolognaToday è in caricamento