menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Viabilità, ora via Guerrazzi diventa ciclabile a doppio senso

I tratti interessati di via Guerrazzi (500 metri) e De Rolandis-Puntoni (2,7 chilometri) rientrano tra i prossimi interventi del Piano emergenziale messo in campo da Palazzo D'Accursio

Proprio via Guerrazzi fu una delle strade da cui partì la crociata del Comune di Bologna contro le biciclette contromano, con tanto di vigili urbani in borghese appostati e pronti a fare le multe: tra qualche settimana, invece, nello stesso tratto stradale ai ciclisti sarà consentito di procedere in direzione opposta a quella delle auto ma in piena legalità.

Lo stesso vale per l'asse composto da via De Rolandis e piazza Puntoni. Sono questi, infatti, i prossimi punti in cui l'amministrazione interverrà con l'istituzione di un doppio senso ciclabile, come già fatto in altre strade della citta' (di recente, ad esempio, in piazza IV Novembre). I tratti interessati di via Guerrazzi (500 metri) e De Rolandis-Puntoni (2,7 chilometri) rientrano tra i prossimi interventi del Piano emergenziale messo in campo da Palazzo D'Accursio per favorire la mobilità ciclabile di fronte all'emergenza sanitaria: in questo caso la soluzione individuata è quella del doppio senso e "ad aprile dovremmo partire", afferma l'assessore alla Mobilità, Claudio Mazzanti, durante la commissione dedicata ieri allo stato di attuazione del Biciplan approvato a fine 2019.

Con lo scoppio della pandemia il Comune ha deciso di anticipare la realizzazione di una parte del piano e in un anno questo ha consentito di "incrementare di 16 chilometri la lunghezza della rete ciclabile urbana", fa i conti il direttore del settore Mobilità, Cleto Carlini. Ora la rete totale risulta raddoppiata in 10 anni ed ha superato quota 200 chilometri, 80 dei quali composti di piste ciclabili in sede separata. Per la precisione si parla di 200,3 chilometri e un dato così "lo hanno poche città in Italia", afferma Carlini, sottolineando ad esempio che anche una grande metropoli come Milano viaggia attualmente su questo ordine di grandezza.

Ulteriori interventi, poi, "sono in corso o già finanziati e quindi si sta lavorando per completare tutte le radiali principali del Biciplan", continua Carlini. Alcune restano invece escluse, ad esempio un tratto di via Emilia "perché nel progetto della linea rossa del tram è prevista che sia garantita la continuità ciclabile" e per l'amministrazione "non è opportuno- spiega Carlini- anticipare le lavorazioni di un cantiere che a breve si pensa possa avere avvio".

Non è stato inserito tra gli interventi da attuare anche via Massarenti, "perché è oggetto di un intervento proposto dalla Città metropolitana per la realizzazione del Metrobus lungo la direttrice della san Vitale- riferisce il dirigente comunale- e siamo in attesa del finanziamento ministeriale".

Un tratto della via Emilia, invece, resta da parte perché è stato già interessato dai lavori del Crealis con conseguente "sofferenza" per il territorio, aggiunge Carlini. Infine, "non abbiamo inserito via Costa per i ragionamenti in corso sullo sviluppo della rete del tram- spiega Carlini- oltre che per caratteristiche fisiche che rendono la via particolarmente complessa, avendo una sezione stradale molto ridotta". In riferimento al Piano emergenziale, spiega il direttore della Mobilità, gli interventi "in corso" ammontano a 9,5 chilometri (tra questi via Stalingrado e via Murri) e sono lavori che il Comune conta di chiudere entro la fine dell'estate.

Altri 30 chilometri corrispondono invece agli interventi da avviare: sarà una partita "molto intensa, che si lega ai meccanismi di bilancio" ma "confidiamo che tutte le attività siano attivabili già quest'anno", afferma Carlini. In questo capitolo rientrano ad esempio via Toscana e via San Donato (oltre a Guerrazzi e De Rolandis-Puntoni, che perlò Mazzanti confida di anticipare). (Dire)

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Bologna usa la nostra Partner App gratuita !

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Casalecchio: aperto il nuovo ristorante McDonald’s 

Salute

Più sedentari causa smartworking e Dad. La personal trainer "L'esercizio fisico è un 'farmaco', può previene malattie croniche"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento