Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Via delle Lame, SOS dai residenti: "Smog e inquinamento acustico, costretti a vivere con finestre chiuse"

Il passaggio e la sosta degli autobus sta esasperando la vita dei residenti che lamentano anche problemi di sicurezza a causa del sorpasso degli autobus in sosta. Confabitare rincara la dose: consegue deprezzamento degli immobili

Situazione critica in Via delle Lame dove il comitato dei residenti si dice esasperato dall’inquinamento acustico e dalla scarsa sicurezza della viabilità, causati dalla sosta Tper. A raccogliere le proteste dei cittadini oggi è Confabitare, associazione proprietari immobiliari, che attraverso il proprio Presidente Nazionale, Alberto Zanni, sottolinea: “In un mondo dove le politiche vanno ad incentivare l'efficientamento energetico per contenere l’inquinamento sia atmosferico che acustico, anche solo una via non può essere abbandonata".

“Via delle Lame - continua Zanni - è una strada stretta con edifici alti, costruiti per lo più dopo la guerra causa bombardamento, per questo si forma una sorta di cassa di risonanza che amplifica l’inquinamento acustico. Sempre per la sua conformazione tende a far ristagnare un livello di smog da rendere impossibile anche l’apertura di una banale finestra. Ci stupisce la scelta dell’amministrazione di farne sosta Tper”.

SOS anche su sicurezza stardale

Il passaggio e la sosta degli autobus del Tper sta esasperando la vita dei residenti perché oltre all’inquinamento atmosferico e acustico, anche la sicurezza ne ha  risentito. "Il sorpasso degli autobus in sosta - spiega Confabitare - obbliga gli automobilisti a oltrepassare la linea continua e chi arriva da Via Otto Colonne per immettersi in Via Delle Lame ha come aiuto un solo specchio parabolico quasi sempre coperto dai mezzi pubblici, a causa di ciò si sono verificati diversi incidenti".

Conseguenze sul mercato immobiliare: deprezzamento case

Altro punto critico quello della svalutazione delle case in zona. Per Confabitare infatti "in Via delle Lame il mercato immobiliare sta perdendo quella fetta di compratori che avrebbero voluto farne la propria residenza, avendo cosi come conseguenza un deprezzamento degli immobili e lasciando via libera agli speculatori o a chi vuole mettere a rendita gli appartamenti affidandoli agli studenti."

“Come associazione siamo contrari a scelte strategiche che non tengono conto della conformazione degli edifici e vanno ad incidere negativamente sulla vita dei residenti e a danneggiare il patrimonio immobiliare dei nostri associati e concittadini - continua Zanni -. Bisogna inoltre, mantenere un certo equilibrio all’interno di una struttura, tra proprietari residenti e affittuari, un disequilibrio a favore dei secondi rende d’estate,  intere vie “terre di nessuno” con  un minor controllo sociale e una maggior incuria. E’ importante che in primis l’amministrazione pubblica alleggerisca questa situazione - conclude Zanni - partendo proprio da una diversa organizzazione dei mezzi pubblici e una collocazione della fermata Tper in una zona più consona”. 


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via delle Lame, SOS dai residenti: "Smog e inquinamento acustico, costretti a vivere con finestre chiuse"

BolognaToday è in caricamento