Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Via Larga

Lo stabile è in demolizione, lui rifiuta di allontanarsi: i carabinieri usano lo spray urticante

I militari hanno faticato a contenere l'uomo. Feriti in tre, con prognosi da sette a dieci giorni

Hanno riportato ferite con prognosi da sette a dieci giorni tre carabinieri di Bologna, intervenuti in un cantiere di via Larga ieri mattina. I militari hanno finito così per usare lo spray al peperoncino e arrestare un 36enne bolognese, per resistenza a un pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato e lesioni personali.

Tutto è nato dalla segnalazione del capocantiere, che lamentava il fatto che il soggetto in questione, risultato poi senza fissa dimora, stesse ostacolando le attività non lasciando l'area dell'immobile in questione, che stava per essere demolito. All’arrivo dei Carabinieri, il clochard non ha cambiato idea, facendo resistenza ai militari a quel punto intervenuti, prendendo anche a calci la gazzella. Ne è nata una coluttazione finita solo con l'utilizzo dello spray urticante.

Tre militari sono stati medicati presso il Pronto Soccorso e dimessi con prognosi comprese tra i 7 e i 10 giorni. Su disposizione della Procura della Repubblica di Bologna, il 36enne, gravato da numerosi precedenti di polizia, è stato trattenuto in camera di sicurezza, in attesa dell’udienza di convalida dell’arresto che si è conclusa questa mattina con l’imposizione del divieto di dimora nella Città Metropolitana di Bologna.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lo stabile è in demolizione, lui rifiuta di allontanarsi: i carabinieri usano lo spray urticante

BolognaToday è in caricamento