menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Via Mattei presidiata

Via Mattei presidiata

Migranti in via Mattei, due manifestazioni all'hub: strada chiusa al traffico

Alle 10.30 i centri sociali e dopo mezz'ora la protesta chiamata dal consigliere regionale di Forza Italia Bignami. Anche una quindicina di ospiti dell'hub al corteo contro la riapertura dei CIE

Due manifestazioni contrapposte in via Mattei questa mattina, dopo l'arrivo all'hub di un centinaio di migranti provenienti dal centro di Cona (Ve), a seguito dei disordini scoppiati alcuni giorni per la morte della 25enne ivoriana Sandrine Bakayoko. 

Polizia e Carabinieri schierati, mentre la Municipale regolerà il traffico nella via che è stata chiusa al traffico. Al momento sono arrivati circa 200 di manifestanti, posizionati tra via Mattei e via Pallavicini, che stanno sfilando in Via Mattei.

Al corteo si sono uniti una quindicina di migranti ospiti dell'Hub: "Abbiamo attraversato il deserto - hanno detto al megafono - non saranno questi 150 metri di strada a farci paura". (GUARDA IL VIDEO)

Alle 11 la protesta chiamata dal consigliere regionale di Forza Italia Galeazzo Bignami per "non essere complici di politiche scellerate e per chiedere che i 100 migranti arrivati da Cona siano rispediti a casa loro assieme a tutti gli altri". Forza Italia, assieme all'associazione "centrodestra per Bologna" si danno appuntamento sabato alle 11 davanti all'hub. 

Mezz'ora prima i centri sociali, i quali, al grido di 'All refugees are welcome - fuori i razzisti da Bologna' si incontreranno nello stesso luogo mezz'ora prima per contestare chi contesta: "Invece di interrogarsi a fondo sulle cause della morte di una ragazza innocente, professionisti del razzismo come Galeazzo Bignami hanno provocatoriamente lanciato per sabato un presidio in via Mattei - si legge in una nota Facebook di Labàs e Tpo - questo sciacallaggio sulle sofferenze di chi scappa da guerre e miseria è inaccettabile. Bologna è città libera e accogliente, gli unici non ammessi sono i razzisti e i fascisti. Per questo come Tpo e Labas lanciamo insieme ad altre realtà cittadine un contro-presidio per sabato alle 10:30 in via Mattei e invitiamo tutta la Bologna accogliente e solidale a partecipare". 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

SuperEnalotto, la fortuna bacia Bologna: centrato un '5'

Salute

Covid19, vaccini dal medico di base: quello che c'è da sapere

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento