Protesta del Cua alla Asl Montebello: "Ok a richiuderci, ma almeno mascherine e tamponi gratis per tutti"

Il collettivo anche contro l'università: "Dopo mesi didattica a distanza non è per tutti"

foto DIRE

Momento di protesta con striscione e fumogeni, a Bologna, davanti al poliambulatorio Ausl di via Montebello: in azione sono entrati gli studenti universitari del Cua, per chiedere una sanità "realmente accessibile a tutti" a cominciare dalla "erogazione gratuita, immediata e a tappeto, di tamponi e mascherine Ffp2".

Mentre continua l'emergenza Covid, "la sanità oggi non è a portata di tutti", sostengono gli studenti: costi e attese per i tamponi sono "impossibili da accettare". Una mascherina Ffp2, poi, "costa- aggiunge una studentessa- dura cinque ore ma se non me la posso permettere ne userò una per tutti i giorni, come tantissima gente è costretta a fare".

Anche all'Università, intanto, "vengono a galla tutte le contraddizioni", secondo il Cua, citando "la didattica a distanza che non è diventata, neanche oggi dopo mesi, realmente accessibile a tutti. Abbiamo comunque pagato le tasse e le more fino ad adesso ma nonostante questo studenti e docenti non sono stati forniti di strumenti adeguati".

L'Ateneo ha "investito in 'guardioni' alle porte, senza però rendere gli spazi realmente più ampi e sicuri", afferma una portavoce del collettivo. E se si prospettano nuovi lockdown, "fermarsi è giusto nel momento in cui una pandemia globale ha messo in ginocchio il mondo- dice il Cua- ma ci chiediamo anche perché siamo di nuovo costretti a farlo", senza dimenticare che molte persone "si ritroveranno a dover scegliere se partire il Covid o la fame". Per questo "chi ci chiude adesso ci deve pagare", aggiungono dal collettivo, segnalando l'incontro che si svolgerà sabato alle 16 in piazza Nettuno convocato dall'Assemblea per la salute del territorio. Nella stessa piazza, alle 18, comincerà la manifestazione cittadina lanciata ieri durante l'assemblea promossa da Riders Union. (Pam/ Dire) 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento