menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via Monterumici, finti addetti dell'acqua derubano 90enne

Ad accorgersi del raggiro la badante dell'anziano. Portate via medaglie e valori di famiglia

Lo hanno approcciato mentre era sul balcone, convincendolo a farli salire. Un'altro furto con raggiro è andato così in scena ieri mattina, in via Monterumici, dove un anziano di 90 anni è stato derubato in casa da sconosciuti.

Fingendosi addetti all'acqua due persone si sarebbero introdotte nell'appartamento dell'uomo anziano e, utilizzando come scusa una inesistente emergenza dovuta all'inquinamento dell'acqua, hanno invitato il 90enne a indicare loro tutti i preziosi che aveva in casa.

"Ma lo sa che l'acqua è avvelenata, e che la vicina del piano di sopra è stata ricoverata?" avrebbero detto i finti tecnici, vestiti peraltro in giacca e cravatta, ma con il gilet catarifrangente addosso. L'anziano, allarmato, avrebe poi aperto ai due: mentre uno distraeva il vecchietto, l'altro rovistava nelle camere.

E' stata la badante, cittadina albanese di 47 anni, ad accorgersi del furto in atto: mentre rincasava dopo una commissione, ah scorto i ladri nella tromba della scale, mentre uscivano infretta e furia dall'appartamento. Intuito che qualcosa non andava, la signora si è fata spiegare dall'anziano confuso l'accaduto, finendo per constatare che dai cassettoni della camera da letto mancavano alcuni importanti monili, di scarso valore commerciale ma di sicuro valore affettivo, tra cui medaglie e cimeli storici.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento