Via Nicolò Dall'Arca, risse e irregolarità: chiuso per 10 giorni il bar Romagnoli

Il Questore ne ha disposto la chiusura a seguito di ripetuti episodi. Anche gli orari di chiusura non rispettati al centro del provvedimento

Il Questore di Bologna Ignazio Coccia ha disposto la sospensione della licenza per 10 giorni della somministrazione di alimenti e bevande del “Bar Romagnoli” di via Nicolò dall' Arca 42. Il provvedimento, notificato ieri pomeriggio da personale della Polizia di Stato in servizio presso la Divisione Polizia Amministrativa e Sociale della locale Questura, si è reso necessario "in quanto predetto bar è fonte di un pericolo concreto per l’ordine pubblico e per la sicurezza dei cittadini, rappresentato dalla frequentazione dell'attività commerciale da parte di persone caratterizzate da condotte reputate socialmente pericolose". 

Alla chiusura del locale si è arrivati dopo che sia la Polizia che i Carabinieri che la Polizia Municipale avevano a vario titolo riportato diversi episodi di rissa e ubriachezza molesta tra gli avventori e per disturbo della quiete pubblica.

In più occasioni -riporta ancora la nota della Questura- si è "potuto appurare che il gestore del locale non rispettava gli orari di chiusura, violava quelli imposti per il funzionamento degli apparecchi da gioco e svolgeva trattenimento musicale in assenza di autorizzazione".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento