Cronaca Centro Storico / Via Guglielmo Oberdan

"Senza lavoro e senza casa": per protesta sale su una gru e minaccia di lanciarsi

Trattative con la polizia, avvisata dal titolare dell'impresa che esegue i lavori in via Oberdan. Si chiama Anotnio della Rocca, ha perso il lavoro e ha ricevuto lo sfratto

Sale su una gru di un cantiere edile in via Oberdan per protesta. La polizia, avvisata verso le 7.30 dal titolare dell'impresa che esegue i lavori, sta trattando dal tetto di un vicino palazzo.

Da quando si apprende, l'autore della tragica protesta, Antonio della Rocca, sarebbe arrivato in via Oberdan alle 4 si questa mattina, avendo perso il lavoro minaccia di lanciarsi nel vuoto: si tratterebbe di un italiano che ha esposto anche lo striscione "Senza lavoro e casa cosa rimane ai nostri figli?”.

Via Oberdan è stata chiusa, sul posto, oltre alla polizia, il 118 e i Vigili del Fuoco che hanno sistemato un materasso gonfiabile sotto la gru.

IN DIRETTA. Secondo le forze dell'ordine, Della Rocca, ex manovale, originario della provincia di Latina, non avrebbe intenzione di buttarsi, ma si tratterebbe di un gesto eclatante per attirare l'attenzione sulle sue condizioni. Le sue intenzioni sarebbero di rimanere sulla gru, infatti è dotato di tablet, telefono cellulare e abbigliamento per la notte: avrebbe anche ricevuto uno sfratto. Ha chiesto di parlare con sindaco, assessori e addirittura con dirigenti Atc.

E' stato contattato il fratello e si sta cercando di rintracciare la compagna per chiamarla sul posto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Senza lavoro e senza casa": per protesta sale su una gru e minaccia di lanciarsi

BolognaToday è in caricamento