Via Pasubio: si finge postino e ruba in casa, ma un residente si insospettisce

Dalla finestra non aveva visto la classica borsa, né buste o involucri in mano al sedicente postino

E' un pluripregiudicato per rapine ad anziani e furti in abitazione il cittadino tunisino 40enne, arrestato la mattina dell'8 aprile insieme a una bolognese di 28 anni incensurata.

L'uomo intorno alle 9 ha suonato a diversi citofoni di due condomini di via Pasubio, spacciandosi per postino e invitando ad aprire il portone, quindi a firmare una raccomandata. Ma un residente si é insospettito. Dalla finestra infatti non aveva visto la classica borsa, né buste o involucri in mano al 40enne, così ha chiamato la polizia.

Le volanti hanno bloccato l'uomo mentre stava uscendo da uno dei condomini della zona: addosso è stato rinvenuto un telefono cellulare appena portato via da un appartamento, la cui proprietaria 77enne era scesa nell'androne lasciando la porta accostata. La vittima del furto ha riferito ai poliziotti che il ladro sarebbe entrato mentre il marito 84enne era in camera da letto.

Durante gli accertamenti, lo stesso 40enne ha riferito che in via Lollini lo stava attendendo la sua compagna e complice a bordo di un'auto. Gli agenti si sono recati sul posto trovando, nel bagagliaio e in alcune valigie, 16 orologi, 14 collane e 5 bracciali, oltre ad altri oggetti di bigiotteria nella borsa della donna. Nell'auto sono stati trovati anche alcuni cacciavite, un martello e uno scalpello. E' così scattata anche la denuncia ex articolo 707 del codice penale (Possesso ingiustificato di chiavi alterate o di grimaldelli). 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, bollettino 24 novembre: +2.501, per la prima volta flessione sui contagi settimanali

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Mangia la pizza e finisce in ospedale con un filo metallico nell'esofago: due denunce

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Emilia-Romagna, bollettino covid 26 novembre: + 2157, 515 a Bologna. Calano i casi attivi

Torna su
BolognaToday è in caricamento