Lunedì, 15 Luglio 2024
Cronaca Zona Universitaria / Via Giuseppe Petroni

Liberalizzazioni orari locali via Petroni. Week-end disastroso: “Camminavano sulle auto”

Non certo positivo il bilancio dei residenti: "Una tragedia, nonostante l'ordinanza sugli orari dei locali sia ancora attiva. Caos fino dopo le 3". E le multe? "Sono ridicole, non le paghiamo" dicono i gestori

Residenti di via Petroni estenuati da quest’ultimo week-end di “sballo totale”. Con l’ordinanza sugli orari dei locali ancora attiva, anche se era stato annunciato che sarebbe stata ritirata proprio prima del fine settimana, la movida ben poco festosa e molto più distruttiva ha reso ancora più convinti i residenti: “E’ stato un disastro. Si sapeva che ‘i tutori del silenzio’ (personale pagato dai gestori per far zittire i passanti troppo rumorosi) non avrebbero potuto arginare il problema, visto che non hanno l’autorità né i mezzi per farlo. Abbiamo ritrovato la nostra strada piena di vomito, vetri, persino delle impronte sulle carrozzerie delle auto parcheggiate”.

Giacomo Battello, titolare de “Il Caffettino” è di tutt’altra opinione “Addirittura un week-end meno movimentato del solito. Ho chiuso in anticipo perché alle due la gente era già andata via”. Una notte particolare quella di sabato, visto che si festeggiava l’irlandese St Patrick’s Day e la birra scorreva a fiumi: “Non posso essere responsabile delle persone che bevono in via Zamboni  e poi passano da via Petroni, sono responsabile solo di quello che accade dentro e appena fuori dal mio locale. Nel periodo dell’ordinanza mi sono indebitato di 20 mila euro e per non rischiare ho già dato la disdetta al proprietario dei muri: se va avanti così me ne vado a luglio”.

Loris Folegatti, dell'Associazione "Via Petroni e dintorni" definisce la sua strada un “Luna Park dello Sballo Totale”, dove nessuna legge ha valore e tutti fanno ciò che vogliono: “E’ già da un mese che i gestori dei locali ignorano gli orari imposti e ricevono sanzioni, ma loro tanto non le pagano e nessuno li obbliga a chiudere”. La risposta di Battello: “Le multe arrivano per posta senza testimonianza che io fossi aperto. Me ne sono arrivate 7, non ne ho pagata neanche una ma nessuno mi ha fatto chiudere: questo testimonia soltanto che è un’ordinanza ridicola, fatta per motivi politici da un sindaco che non sa quel che fa. Andrebbe estesa a una zona molto più ampia e non solo in via Petroni!”.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liberalizzazioni orari locali via Petroni. Week-end disastroso: “Camminavano sulle auto”
BolognaToday è in caricamento