rotate-mobile
Martedì, 24 Maggio 2022
Cronaca Centro Storico / Via del Pratello

Via del Pratello: fuori pericolo il giovane caduto dalla finestra

Ancora in rianimazione e i sanitari non possono ancora emettere un referto. Si cerca ancora la donna che avrebbe raccolto la prima testimonianza del ragazzo

Non è più in pericolo di vita il giovane che lunedì è caduto dalla finestra del secondo piano di una palazzina di via del Pratello. Come conferma Ausl, i sanitari non possono ancora emettere un referto, poichè ancora ricoverato nel reparto di rianimazione del Maggiore.  Le condizioni del 30enne, di origini campane, erano apparse da subito molto critiche ed era stato sottposto a un intervento chirurgico.

I Carabinieri stanno ancora indagamdo sull'accaduto: non è ancora chiaro se si sia trattato di un gesto volontario, di una incidente o se sia addirittura stato spinto, come avrebbe detto il giovane a una donna che lo avrebbe soccorso e che a sua volta lo aveva riferito alla Polizia Municipale, intervenuta nell'appartamento, prima della caduta e dopo aver sentito delle grida. 

Poi della donna più nulla. I vigili sono sono stati ascoltati dalla PM Elisabetta Scandellari e il Procuratore aggiunto Valter Giovannini l'ha invitata a farsi viva oppure: 'Se qualcuno ha scattato foto con il proprio cellulare che riprendono una donna vicino al ragazzo, per favore si metta in contatto con i carabinieri. E' fondamentale individuare e sentire questa persona". 

Al momento della caduta il 30enne non era solo in casa, nell'appartamento c'era anche il coinquilino, un ragazzo straniero, e altri due amici, che sono stati subito ascoltati dagli inquirenti e avrebbero riferito che il giovane era in stato di agitazione. L'appartamento è stato trovato a soqquadro, un tavolo rotto e cassetti rovesciati. Nella casa sarebbe stata consumata anche della cocaina.

Via del Pratello: ragazzo vola giù dalla finestra

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via del Pratello: fuori pericolo il giovane caduto dalla finestra

BolognaToday è in caricamento