rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
Cronaca Saragozza / Via di Ravone

Saragozza, 'strane' ordinazioni insospettiscono pizzaiolo: sventata rapina

In via di Ravone sono finiti in manette due giovani, mentre un minore è stato denunciato

L'orario per ordinare 8 pizze e 3 bibite era strano, gli indirizzi sempre diversi e la richiesta di portare il resto per una banconota da 200 euro davvero sospetta. Verso le 2 di questa notte il gestore di una pizzeria di via Saragozza, cittadino pakistano di 37 anni, ha ricevuto tre diverse telefonate: in un primo momento la consegna sarebbe dovuta avvenire in via Carracci, poi in via dei Carrettieri e infine in via di Ravone, così si è allarmato e ha chiamato il 113. 

L'operatore ha raccomandato di non prendere iniziative e in via di Ravone sono arrivate tre volanti: il pizzaiolo ci aveva visto giusto, infatti gli agenti hanno fatto scattare le manette per un 29enne cittadino italiano nato in Brasile e un 26enne bolognese, mentre per lo stesso reato è stato denunciato un altro bolognese minorenne, classe 2002. 

Il 26enne è stato fermato e trovato in possesso del telefono usato per chiamare la pizzeria. Gli altri hanno tentato di allontanarsi verso via Battaglia, ma sono stati bloccati da una volante. Il 29enne ha cercato di disfarsi di uno zaino contenente una pistola giocattolo, un paio di guanti e un passamontagna. Gli arrestati devono rispondere di tentata rapina in concorso. Gli intenti erano chiari: i tre, tutti con precedenti per reati contro il  patrimonio e la persona, avevano in tasca circa 10 euro, pertanto non avrebbero potuto pagare le otto pizze ordinate. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saragozza, 'strane' ordinazioni insospettiscono pizzaiolo: sventata rapina

BolognaToday è in caricamento