Cronaca San Donato / Via Adelaide Ristori

Da fuoco a un'auto in via Ristori mentre è all'interno, salvato dai passanti

Estratto svenuto da un cittadino tunisino di passaggio. Dopo aver ripreso i sensi l'autore del gesto ha cercato di darsi alla fuga. Ignoti i motivi del gesto

Giaceva svenuto dentro l'auto a cui lui stesso aveva dato fuoco, ed è stato salvato in extremis da alcuni passanti. E' successo ieri sera in via Ristori, zona San Donato, quando un cittadino italiano nato in Costa Rica di 31 anni, è stato estratto privo di sensi da una Fiat Uno, poi andata completamente bruciata.

"Non sono stato io, è stato mio cugino" avrebbe detto il ragazzo quando, una volta rinvenuto accanto ai suoi soccorritori, avrebbe cercato di scappare. Sul posto la polizia, intervenuta assieme ai pompieri che hanno dovuto estinguere l'incendio anche a una Clio vicina, cui si stavano propagando le fiamme.

Addosso all'uomo, in evidente stato confusionale, è stato trovato anche il frontalino dell'autoradio della vettura andata bruciata. Le autorità, dopo le opportune verifiche, lo hanno quindi denunciato per danneggiamento aggravato a mezzo incendio e furto aggravato. Il proprietario della macchina ha riferito di non conoscere l'autore del gesto.

A salvare il ragazzo da un esito ben più grave è stato un uomo cittadino tunisino classe 1972. Da alcune evidenze risulta che l'autore sia stato in passato in cura presso il servizio psichiatrico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da fuoco a un'auto in via Ristori mentre è all'interno, salvato dai passanti

BolognaToday è in caricamento