Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Via Riva di Reno

Via Riva Reno: 'Tirocinio full time a 450 euro/mese', Cgil: 'Quella legge va cambiata'

Una foto pubblicata su un gruppo Facebook cittadino scatena i commenti, tra chi ritiene la proposta un'opportunità e chi la paragona a una forma di schiavismo. Ma la legge lo prevede

Un annuncio di lavoro, o meglio, un annuncio di tirocinio affisso sulle pareti di un negozio di via Riva Reno, è finito sulle pagine web cittadine, e ha scatenato una ondata di reazioni. In particolare, ad accendere gli animi è la retribuzione: 450 euro al mese per -si legge nel cartello- 40 ore di lavoro alla settimana, per sei mesi. L'annuncio è rivolto ai giovani tra 18 e 29 anni, come da legge.

Condizioni molto simili a un rapporto di lavoro standard a termine, ma la cifra di 'rimborso spese' fa storcere il naso a molti, che sui social network non nascondono l'ironia. "Almeno non chiedono esperienza" commenta Alessandro, mentre Stefano osserva: "2 euro al giorno, conviene fare l'elemosina".

Ma c'è anche che corre in 'difesa' dell'annuncio, come Fabio:"Uno non trova lavoro? Almeno fà qualcosa" mentre Massimiliano spiega: "Da qualche anno c'è un minimo, una volta capitavano tirocini anche gratis o a 250 euro".

Il sindacalista Cgil Bologna Giacomo Stagni, fa il punto sulla situazione: 'Tecnicamente stiamo parlando di un annuncio legittimo, poiché osserva quelli che sono i canoni della legge nazionale in materia. Certo è che dal punto di vista dell'applicazione dell'istituto del tirocinio non ci siamo proprio'.

In pratica -spiega Stagni- per lavori scarsamente qualificati, o comunque le cui mansioni si possano acquisire in breve tempo, è previsto il contratto di apprendistato, "un contratto pluriennale dove la retribuzione è al 70 per cento del salario base" e aumenta progressivamente. Nei fatti però capita frequentemente che i contratti di tirocinio siano andati a sostituire l'apprendistato, di fatto sostituendolo.

"Io so di tirocini attivati per lavorare in gelateria" argomenta Stagni, suggerendo che "finché la legge nazionale non fissa dei paletti all'applicabilità di questi contratti non ci sono limiti alla loro diffusione". Proprio la Cgil chiede alla Regione Emilia Romagna l'apertura di un tavolo di indirizzo per stabilire, almeno a livello regionale "dei settori e delle mansioni specifiche entro cui inserire il tirocinio, per ricomprenderlo in un progetto formativo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Riva Reno: 'Tirocinio full time a 450 euro/mese', Cgil: 'Quella legge va cambiata'

BolognaToday è in caricamento