Furto di bici e vetri rotti per noia e alcol: giornata di vandalismi

Tra furto della bici in cantina e vetri infranti della auto in due comuni del bolognese

Hanno rotto i vetri di due auto per poi darsi alla fuga, uno dei due in sella a una bicicletta. Nel pomeriggio di ieri, poco prima delle 17, la Polizia ha deferito in stato di libertà un cittadino tunisino di 43 anni, per il reato reato di ricettazione.
Nel corso del servizio di controllo del territorio, la centrale operativa, su segnalazione alla linea 113, ha inviato le volanti in via di Saliceto, dopo che un cittadino aveva visto due uomini, descritto come nord-africani, nei pressi del Parco della Zucca, mentre infrangevano i vetri di due auto.

I poliziotti giunti sul posto, dopo aver sentito il testimone, sono stati avvicinati da un altro cittadino italiano al quale poco prima il avevano rubato la bicicletta dalla cantina.A seguito di una perlustrazione della zona, gli equipaggi hanno rintracciato un soggetto in bicicletta che corrispondeva alle descrizioni. A seguito di perquisizione personale e veicolare, gli agenti hanno rinvenuto gli abiti utilizzati al momento del danneggiamento da uno dei due. 
E' stato accompagnato presso gli uffici della questura e deferito in stato di libertà per il reato di ricettazione in quanto riferiva di aver trovato la bici sulla pubblica via.

I Carabinieri della Stazione di Castel San Pietro Terme hanno denunciato quattro cittadini marocchini di età compresa tra i 24 e i 26 anni, con precedenti di polizia, per danneggiamento di auto in sosta. E’ successo questa notte, quando i Carabinieri, hanno sorpreso i quattro che, a causa di un raptus di “noia” e un abuso di sostanze alcoliche, stavano danneggiando le auto parcheggiate in via Risorgimento. Dei quattro soggetti, tre dovranno rispondere anche di soggiorno irregolare sul territorio nazionale perché si trovavano in Italia senza un regolare permesso di soggiorno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Emilia-Romagna verso la zona gialla, Donini: "Aspettiamo una settimana"

  • Coronavirus Emilia-Romagna: il virus picchia duro, nell'imolese morto un 45enne

  • Martina stroncata dal covid a 21 anni: "La conoscevo da sempre... usiamo meno leggerezza d'ora in avanti nel parlare della malattia"

  • Nuova ordinanza regionale: confermate le misure, altre attività aperte nei prefestivi

  • Stato di crisi: "Non c'è mobilità, non ci sono i ristori": in autostrada i distributori chiudono

  • Covid Bologna ed Emilia-Romagna, il bollettino: l'epidemia rallenta, ma ci sono 50 morti

Torna su
BolognaToday è in caricamento