menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Via San Donato: viso di donna con capelli di fiori, ecco l'ultimo murale anti-degrado di Gutierrez

E' l'ultimo lavoro del muralista colombiano per trasformare alcuni muri sporchi della città in opere da ammirare. 'Colpita' via San Donato

Un volto di donna e capelli di piante e fiori in via San Donato. E' il lavoro del muralista Luiz Gutierrez, l'ultimo in ordine di tempo, per trasformare alcuni muri sporchi della città in opere da ammirare.

In collaborazione con Roberto Morganitni, attivo vice-presidente degli Amici di Piazza Grande e fondatore delle "Cucine Popolari", la mensa in via del Battiferro, l'artista colombiano 48enne, a Bologna da quasi un trentennio, individua pareti e aree degradate, così dopo "una mano di bianco" arriva la metamorfosi: dipinti a tutto colore che richiamano per stile e soggetti l'arte latina.

"Le cose belle ci piacciono, i paciughi no" dice a Bologna Today Morgantini che definisce "indecenti" i muri di via San Donato e che intende continuare ad abbellire insieme a Luiz e in accordo con residente e negozianti: "Naturalmente in accordo con il presidente del quartiere Simone Borsari, abbiamo consultato i commercianti e sarebbero d'accordo" quindi "i muri possono anche rappresentare la contestazione e la voglia di ribellione, ma la maggior parte delle scritte sono incomprensibili". 

Adottato da Bologna, Gutierrez ha realizzato il grande murale in via Zamboni per il nono centenario dell'Università di Bologna, nel 1988, intitolato '500 Anni dalla Conquista dell'America' è orgoglioso: "Ormai è un'icona della zona universitaria e tutti i neo-laureati si fanno fotografare con il mio dipinto", dice. 

Prossimo passo il ponte di via Stalingrado. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento