menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

San Mamolo, pranzo al ristorante: sfilza di multe per gestore e clienti

La porta era chiusa a chiave ma all'interno 8 persone erano sedute ai tavoli in attesa di pranzare

Ristorante aperto nonostante le norme che impongono le restrizioni. È successo intorno alle 14 di ieri, quando due pattuglie del reparto di Polizia Amministrativa della Polizia Locale e due equipaggi della Polizia Amministrativa della Questura, impegnati in un servizio congiunto finalizzato al controllo del rispetto delle norme anti Covid, sono intervenuti per un controllo in un ristorante di via San Mamolo a seguito di alcune segnalazioni.

La porta d’ingresso del locale era chiusa a chiave, gli operatori hanno suonato il campanello e il gestore ha aperto: all’interno c’erano 14 persone, di cui otto sedute ai tavoli intente a consumare cibo e bevande e altre sei, in attesa del pasto d’asporto. Dunque sono scattate le sanzioni per il gestore del ristorante e per le otto persone sedute a mangiare ai tavoli.

Nella giornata i dieri i Carabinieri del Comando Provinciale di Bologna, durante i servizi di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, hanno identificato 700 persone, controllato 555 veicoli, 86 esercizi pubblici e sanzionato 32 persone per aver violato la normativa di riferimento. A Marzabotto hanno sanzionato una coppia di francesi domiciliati a Bologna che stavano prendendo il sole. Inoltre, a Valsamoggia, i Carabinieri della Stazione di Bazzano e a Sala Bolognese , i Carabinieri della locale Stazione hanno sanzionato una ventina di persone sprovviste della mascherina di protezione.

A Imola, invece, i Carabinieri della Stazione hanno sanzionato quattro giovani per aver violato la normativa che vieta gli assembramenti, durante un intervento nato dalla segnalazione di una ventina di ragazzi che si erano affollati in zona Pedagna. Alla vista della pattuglia che stava arrivando, sono fuggiti tutti, tranne i quattro sanzionati che hanno preferito restare sul posto per assumersi le responsabilità e farsi contestare la sanzione da 400 euro a testa. Le altre sanzioni sono state inflitte a Bologna da parte dei Carabinieri del Nucleo Radiomobile e della Compagnia Bologna Centro.
 

Ristoranti aperti per protesta #ioapro: multe a clienti e gestori 

Ristoratori protestano in autostrada: "Pronti al blocco della A1"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lo sapevi che .... anche Bologna aveva un porto?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BolognaToday è in caricamento