Giardino via San Rocco: una panchina rossa contro i femminicidi

Una panchina rossa ricorderà le tante vittime di femminicidio

Una panchina rossa ricorderà le tante vittime di femminicidio da domenica 10 marzo alle 11 nel giardino Otello Bignami di via San Rocco. L'idea, nata dalla volontà del Centro Sociale della Pace, si è concretizzata in un patto di collaborazione con il Quartiere Porto-Saragozza, che ha reso possibile questo appuntamento. È stata coinvolta, per dare il suo contributo artistico, la pittrice Stefania De Salvador. 

All'inaugurazione saranno presenti Alberto Aitini, assessore alla Sicurezza urbana integrata, Lorenzo Cipriani, presidente di Quartiere Porto-Saragozza, Simona Lembi, consigliera comunale e della Città metropolitana, 
Paola Marzadori, presidente del Centro sociale Anna Pramstrahler, Casa delle Donne.

A seguire, un omaggio musicale del Duo Marzadori (viola e violoncello) al maestro liutaio Otello Bignami a cui l'Amministrazione comunale ha dedicato quest'area verde. Alle 16 al Centro sociale della Pace di via del Pratello 53, una tavola rotonda collettiva sul tema della violenza di genere, che avrà come filo conduttore della discussione la parola "indifferenza".

Anna Pram, una vita dedicata ai diritti delle donne: "Bologna deve fare il salto di qualità" 

5 donne "speciali" che hanno fatto la storia di Bologna

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mezza Italia (Emilia Romagna compresa) verso il 'giallo'. Bonaccini: "Per Natale soluzioni che evitino il tana libera tutti"

  • Il Covid fa la sua prima vittima fra i sanitari del S.Orsola: morto a 59 anni l'infermiere Sergio Bonazzi

  • Siglata nuova ordinanza. Riaperture negozi, corsi e lezioni di ginnastica a scuola: ecco cosa cambia

  • Dati Covid confortanti: l'Emilia-Romagna verso la zona gialla (ma non subito)

  • Giornata del Parkinson, le neurologhe: "Per combattere la malattia, tre tipi di terapie avanzate"

  • Dad e rendimento scolastico, il prof del Fermi: "E' dura, ma i vincenti trovano la via e non le scuse"

Torna su
BolognaToday è in caricamento