Cronaca Centro Storico / Via San Vitale, 126

Via San Vitale: lavoro fittizio per immigrazione clandestina, altri guai per il Bar 'Bambi'

Sei persone coinvolte. La prassi era consolidata e permetteva di avviare le pratiche di soggiorno

Foto Repertorio

Compilava moduli Inps fittizi, per permettere ai suoi amici di avviare le pratiche per l'ottenimento del permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Con questa motivazione i Carabinieri di Bologna hanno sei soggetti, tre cittadini bengalesi e tre cittadini pakistani, di età compresa tra i 26 e 51 anni, sono stati denunciati per truffa ai danni dello Stato e falsità ideologica commessa dal privato in atto pubblico.

I funzionari dell’Ispettorato Territoriale del Lavoro di Bologna, dopo aver effettuato controlli incorciati, hanno avvertito le autorità, che hanno rilevato che uno dei bengalesi coinvolti nella vicenda, favoriva l’immigrazione clandestina degli altri soggetti attraverso la compilazione fasulla di un modulo che veniva inviato all’INPS e in cui veniva attestato che gli stessi lavoravano nel suo bar di via San Vitale.

Grazie alla falsificazione dei moduli, gli altri soggetti potevano avanzare la domanda alla Questura di Bologna per l’ottenimento del permesso di soggiorno per motivi di lavoro. Il locale di via San Vitale è noto per alcuni fatti di cronaca in materia di droga e malavita che lo avevano coinvolto il mese scorso, tuttavia i fatti addebitati questa volte non sarebbero direttamente riconducibili all'attività dell'esercizio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via San Vitale: lavoro fittizio per immigrazione clandestina, altri guai per il Bar 'Bambi'

BolognaToday è in caricamento