Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Centro Storico / Via Santo Stefano

Croci celtiche e scritte fasciste: imbrattata via Santo Stefano

A denunciarlo il consigliere del quartiere Detjon Begaj che ha immortalato muri e colonne: 'Lo hanno fatto proprio il 2 agosto, indisturbati'

Scritte inneggianti al Duce, croci celtiche nonché la scritta "Fiano a morte", in riferimento al Parlamentare PD, figlio di Nedo, ebreo deportato ad Auschwitz e unico superstite della sua famiglia, che ha scritto la legge contro l'apologia di fascismo.

A denunciarlo il consigliere del Quartiere Santo Stefano Detjon Begaj (Coalizione Civica) che ha immortalato muri, portoni e colonne imbrattati.

"Stanotte dei topi di fogna hanno ricoperto tutta via Santo Stefano di croci celtiche e scritte inneggianti al Duce" ha scritto senza mezzi termini sul suo profilo Facebook Begaj - lo hanno fatto proprio il 2 agosto, lo hanno fatto indisturbati. Lo hanno fatto in un contesto dove nelle sedute del Consiglio di Quartiere ci sono consiglieri che definiscono folklore le provocazioni fasciste che ci sono state un mese fa al Baraccano, lo hanno fatto in un contesto dove i poliziotti i fascisti li scortano e li proteggono per strada - e in riferimento alla strage della stazione, anche nei giorni in cui - la Procura di Bologna chiede l'archiviazione delle indagini sui mandanti -  quindi - i familiari delle vittime escono dall'aula protestando contro il Ministro (bolognese) di un Governo bugiardo, truffaldino ed omertoso". 

"Io in questi anni ho capito due cose - aggiunge il consigliere - il 2 agosto a Bologna è quella cosa che ti fa venire i brividi anche sotto il sole cocente e i quaranta gradi di temperatura, i nemici della verità e della giustizia sono ovunque e ricoprono ogni tipo di ruolo di potere, dal più piccolo al più grande. Era così nel 1980, è così anche adesso. Alcuni di loro non si rendono nemmeno conto di essere complici di questo sistema, tanto lo rappresentano".

"Ferma condanna degli imbecilli che, in occasione della commemorazione della strage del 2 agosto 1980, hanno voluto farci trovare decine e decine di frasi inneggianti al duce e al fascismo lungo tutta via Santo Stefano", ha scritto la Presidente del Quartiere Rosa Amorevole. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Croci celtiche e scritte fasciste: imbrattata via Santo Stefano

BolognaToday è in caricamento